Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36997 del 10/06/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36997 Anno 2015
Presidente: D’ISA CLAUDIO
Relatore: DELL’UTRI MARCO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
RACIOPPA PIETRO N. IL 29/06/1985
avverso la sentenza n. 1792/2013 CORTE APPELLO di BARI, del
17/10/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. MARCO DELL’UTRI;

Data Udienza: 10/06/2015

RITENUTO IN FATTO
1. Con sentenza in data 17/10/2013, la Corte d’appello di Bari ha
confermato la condanna di Pietro Racioppa alla pena di giustizia in relazione ai
reati di furto aggravato, guida senza patente e violazione delle prescrizioni in
materia di sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, commessi in Foggia, il
22/1/2013.
Avverso la sentenza d’appello, ha proposto ricorso per cassazione
l’imputato, dolendosi della violazione di legge e del vizio di motivazione in cui

dell’imputato, anche in relazione all’intervenuta prescrizione dei reati contestati.

CONSIDERATO IN DIRITTO
2. Il ricorso è inammissibile per manifesta infondatezza e genericità.
Osserva il collegio come debba essere rilevata l’inammissibilità del ricorso
proposto dal ricorrente in relazione agli asseriti vizi della sentenza impugnata,
essendosi il ricorrente limitato all’indicazione di ragioni di doglianza
irriducibilmente generiche e del tutto prive di alcun riferimento (sia pure minimo
o indiretto) al discorso giustificativo articolato nella sentenza impugnata in
relazione alle specifiche imputazioni sollevate nei confronti del ricorrente.

3. Alla dichiarazione d’inammissibilità del ricorso segue la condanna del
ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento della somma di
euro 1.000,00 alla cassa delle ammende.

P.Q.M.
La Corte Suprema di Cassazione, dichiara inammissibile il ricorso e
condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e al versamento
della somma di euro 1.000,00 alla cassa delle ammende.
Così deciso in Roma, il 10/6/2015

Il Consigliere est.

sarebbe incorsa la corte territoriale nell’accertamento della responsabilità

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA