Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36861 del 04/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 6 Num. 36861 Anno 2018
Presidente: FIDELBO GIORGIO
Relatore: TRONCI ANDREA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da
GECA LEDJO, nato il 26/07/1996 in Albania

avverso la sentenza del 14/12/2017 del TRIBUNALE di BOLZANO

sentita la relazione svolta dal consigliere Andrea Tronci.

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO
1.

Il difensore di fiducia di Ledjio GECA ricorre per cassazione avverso la

sentenza indicata in epigrafe, con cui il giudice monocratico del Tribunale di
Bolzano, facendo proprio l’accordo intervenuto fra le parti, ha applicato al
prevenuto la complessiva pena di anni due, mesi cinque di reclusione ed
C 6.000,00 di multa (oltre confisca di quanto in sequestro) in relazione a due
episodi di violazione dell’art. 73 D.P.R. 309/90, unificati per continuazione.
Assume in proposito il legale ricorrente che, pur in esito al rito speciale di
cui all’art. 444 del codice di rito, il giudice avrebbe dovuto comunque “valutare i
fatti nella loro materialità in maniera autonoma rispetto alla richiesta delle parti”,

Data Udienza: 04/07/2018

di ciò dovendovi essere concreto riscontro nella motivazione posta a corredo
della decisione assunta, nella fattispecie assente.
2.

Il ricorso è all’evidenza inammissibile, atteso che, alla stregua delle

modifiche introdotte nell’art. 448 del codice di rito dalla recente legge n.
103/2017, l’asserito vizio posto a base dell’impugnazione in esame non rientra
fra quelli che legittimano la proposizione di ricorso per cassazione, con
conseguente applicazione del disposto dell’art. 610, co. 5 bis, del codice di rito.
Alla detta declaratoria segue la condanna del ricorrente al pagamento

all’art. 616, comma 1 – seconda parte, del codice di rito, nella congrua misura
specificata in dispositivo.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di C 4.000,00 in favore della cassa delle
ammende.
Così deciso in Roma, il 4 luglio 2018
Il consigliere estensore

delle spese processuali, nonché al versamento della somma ulteriore di cui

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA