Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36843 del 15/04/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36843 Anno 2015
Presidente: D’ISA CLAUDIO
Relatore: ESPOSITO LUCIA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
GAMBA ANDREA N. IL 07/12/1990
GIUOCO ANDREA N. IL 17/12/1990
avverso la sentenza n. 4090/2013 CORTE APPELLO di TORINO, del
013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO;

Data Udienza: 15/04/2015

Fatto e diritto

– Rilevato che la Corte d’Appello di Torino rideterminando la pena inflitta, confermava in punto
di affermazione di responsabilità la decisione del giudice di primo grado che aveva dichiarato
Gamba Andrea e Giuoco Andrea responsabili del reato di cui agli art. 110, 624, 625 n.2 e 7
c. p.

– che avverso la sentenza gli imputati proponevano distinti ricorsi per cassazione;

dell’art. 69 c.p., in relazione all’art. 133 c.p. e alla istanza difensiva di riconoscimento della
prevalenza delle attenuanti generiche di cui all’art. 62 bis c.p. sulle contestate aggravanti e
recidiva; 2) carenza di motivazione in ordine al giudizio di comparazione delle circostanze; 3)
carenza di motivazione in ordine al trattamento sanzionatorio, con particolare riferimento alla
mancata concessione della sospensione condizionale della pena;
– Giuoco a sua volta deduceva: 1) inosservanza o erronea applicazione della legge penale, in
particolare dell’art. 69 CP in relazione all’art. 133 CP e alla istanza difensiva di riconoscimento
della prevalenza delle attenuanti generiche di cui all’art. 62 bis CP sulle contestate aggravanti
e recidiva; 2) carenza di motivazione in ordine al giudizio di comparazione delle circostanze;
– rilevato che entrambi i ricorsi, attinenti sotto molteplici aspetti al trattamento sanzionatorio,
sono infondati poiché la comparazione con giudizio di equivalenza tra attenuanti e aggravanti
risulta conforme a legge e congruamente motivata in ragione della circostanza dell’essere
entrambi i ricorrenti recidivi;
– rilevato, quanto al motivo attinente alla sospensione condizionale della pena, che lo stesso
risulta privo di ogni specificità, in violazione del combinato disposto ex artt. 581-591 C.P.P.,
non essendo stati indicati i parametri, in punto di cumulo delle pene, che avrebbero giustificato
la sospensione condizionale della pena a mente dell’invocato ultimo comma dell’art. 164 c.p.;
– ritenuto, pertanto, che i ricorsi vanno dichiarati inammissibili;
– rilevato che alla declaratoria di inammissibilità dei ricorsi consegue, a norma dell’art. 616
c.p.p., la condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese processuali e della somma, che si
ritiene equo liquidare in C 1000,00 ciascuno, in favore della cassa delle ammende, non
ravvisandosi assenza di colpa in ordine alla determinazione della causa di inammissibilità;

Per questi motivi

dichiara inammissibile t ricorsii, e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali e
ciascuno al versamento della somma di euro 1000,00 alla cassa delle ammende.

Così deciso nella camera di consiglio

S ETAT”

– Gamba deduceva: 1) inosservanza o erronea applicazione della legge penale, in particolare

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA