Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36830 del 15/04/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36830 Anno 2015
Presidente: D’ISA CLAUDIO
Relatore: ESPOSITO LUCIA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
VANCURTI EMILIANO N. IL 02/09/1975
avverso la sentenza n. 3465/2010 CORTE APPELLO di L’AQUILA,
del 15/11/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. LUCIA ESPOSITO;

Data Udienza: 15/04/2015

Fatto e diritto

– Rilevato che la Corte d’Appello di L’Aquila confermava in punto di affermazione di
responsabilità la decisione del giudice di primo grado che aveva dichiarato Vancurti Emiliano
responsabile del reato di cui agli art. 110, 81, 624 bis c.p.;
– che avverso la sentenza l’imputato proponeva ricorso per cassazione, deducendo: 1)
violazione di legge e difetto di motivazione con riferimento alla mancata concessione del rinvio

riferimento alla mancata concessione delle attenuanti generiche;
-rilevato che il primo motivo è manifestamente infondato: risulta, infatti, che all’udienza del
15/11/2012, intervenuta dopo la dichiarazione di contumacia dell’imputato in precedente
udienza, non sia stata formulata dall’imputato espressa istanza di voler partecipare all’udienza,
talché corretto si appalesa il provvedimento che rigetta l’istanza di rinvio dell’imputato per suo
impedimento in forza della contumacia dichiarata (in tal senso il consolidato orientamento di
questa Corte, da ultimo Cass. 2529/2014 Rv 262282);
– rilevata, altresì, la manifesta infondatezza dell’ulteriore motivo, in ragione della congrua
motivazione riguardo al diniego della concessione delle attenuanti generiche, motivato sulla
scorta dei precedenti penali specifici dell’imputato;
– ritenuto, pertanto, che il ricorso va dichiarato inammissibile;
– rilevato che alla declaratoria di inammissibilità del ricorso consegue, a norma dell’art. 616
c.p.p., la condanna della, ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma, che si
ritiene equo liquidare in C 1000,00, in favore della cassa delle ammende, non ravvisandosi
assenza di colpa in ordine alla determinazione della causa di inammissibilità;

Per questi motivi

dichiara inammissibile il ricorso e condannaUOricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di euro 1000,00 alla cassa delle ammende.
Così deciso nella camera di consiglio del 15/4/2015

Il Consigliere estensore

per legittimo impedimento dell’imputato 2) violazione di legge e difetto di motivazione con

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA