Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36742 del 22/04/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 36742 Anno 2015
Presidente: CORTESE ARTURO
Relatore: NOVIK ADET TONI

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
KHADDARI SAID N. IL 16/09/1969
avverso l’ordinanza n. 1913/2014 TRIB. SORVEGLIANZA di
BOLOGNA, del 11/07/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. ADET TONI NOVIK;
lette/sone le conclusioni del PG Dott.
,i,

titectt, ittA, LA e ih

dA {A,

pLCCUI\O

Uditi difensor Avv.;

fa tt_e, V apvtuel

cP t(iP

Data Udienza: 22/04/2015

RILEVATO IN FATTO
1. Con decreto emesso in data 11 luglio 2014, il presidente del Tribunale
di sorveglianza di Bologna ha dichiarato inammissibile il reclamo avverso il
provvedimento del magistrato di sorveglianza di Modena di rigetto della
richiesta di liberazione anticipata “straordinaria” presentata da Khaddari Said
emesso il 13/6/2014, perché proposto fuori dei termini previsti dalla legge.

2. Ha proposto ricorso per cassazione il condannato personalmente

l’ufficio matricola della casa circondariale di Modena e che quindi il tribunale di
sorveglianza avrebbe dovuto fissare l’udienza in camera di consiglio per la
decisione sull’impugnazione.

3. Il Procuratore generale presso questa Corte ha chiesto che il
provvedimento impugnato sia annullato.

CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Osserva il Collegio che il ricorso è fondato. Nel decreto impugnato non è
indicata la data in cui il reclamo è stato depositato e le ragioni per cui è stato
Cht
ritenuto fuori termine. Dagli atti si evinch(l’ordinanza del magistrato di
sorveglianza di Modena fu notificatoLal condannato il 13 giugno 2014 e che il
ricorso presentato porta la data del 20 giugno 2014. Era quindi necessaria la
fissazione dell’udienza in camera di consiglio per l’instaurazione del
contraddittorio.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio il decreto impugnato e dispone la trasmissione degli
atti alla tribunale di sorveglianza di Bologna.
Così deciso in Roma il giorno 22 aprile 2015
Il Consigliere estensore

affermando che il reclamo era stato presentato tempestivamente presso

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA