Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36689 del 16/07/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 7 Num. 36689 Anno 2018
Presidente: MICCOLI GRAZIA
Relatore: PISTORELLI LUCA

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
APRUZZESE ANTONIO nato a CEGLIE MESSAPICA il 12/05/1974

avverso la sentenza del 01/03/2017 della CORTE APPELLO di LECCE
dato avviso alle parti;
udita la relazione svolta dal Consigliere LUCA PISTORELLI;

Data Udienza: 16/07/2018

osserva
1.Con la sentenza indicata in epigrafe, la Corte di Appello di Lecce confermava la condanna di
Apruzzese Antonio per i delitti di furto aggravato tentato e consumato.
2.Propone ricorso per cassazione l’imputato, deducendo errata applicazione della legge penale
in relazione alla qualificazione del fatto di cui al capo b) come tentato furto, anziché come
danneggiamento, e di quello di cui al capo a) come furto consumato.

Per questi motivi
Annulla senza rinvio la sentenza impugnata per essersi i reati estinti per morte del reo.
Così deciso i
Il Co

e estensore

o 2018

3. Nelle more l’imputato è deceduto, come documentato dal certificato di morte del medesimo
acquisito dalla cancelleria. Conseguentemente la sentenza impugnata deve essere annullata
senza rinvio in quanto i reati contestatogli si sono estinti per morte del reo.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA