Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36578 del 19/03/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36578 Anno 2015
Presidente: PAOLONI GIACOMO
Relatore: DI SALVO EMANUELE

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
NAPOLITANO GIOVANNINA N. IL 22/05/1958 parte offesa nel
procedimento
c/
IGNOTI
avverso il decreto n. 3086/2013 GIP TRIBUNALE di NOLA, del
15/04/2013
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. EMANUELE DI
SALVO;

Data Udienza: 19/03/2015

OSSERVA
La persona offesa, Napolitano Giovannina , propone ricorso avverso il decreto di
archiviazione in epigrafe indicato .
Il ricorso è stato sottoscritto dalla parte lesa personalmente. A norma dell’ art 613
co 1 cpp , la parte può provvedere personalmente a sottoscrivere il ricorso. Ma le
Sezioni unite hanno stabilito che tale disposizione è applicabile esclusivamente nei
//

parte ” e comunque le parti private diverse dall’imputato non possono stare in

giudizio, ai sensi dell’art 100 co 1 cpp , se non col ministero di un difensore munito
di procura speciale. Pertanto , la parte offesa non è legittimata a presentare
personalmente ricorso per cassazione , sottoscrivendo il relativo atto , poichè , per
la valida instaurazione del giudizio di legittimità , si applica la regola dettata dall’art
613 cpp , secondo cui l’atto di impugnazione deve essere sottoscritto , a pena di
inammissibilità, da difensori iscritti nell’apposito albo ( Sez. un.16-12-98 , Messina,
rv 212077), ), anche quando la persona offesa rivesta essa stessa tale qualità (Sez 6,
n. 25790 del 30-1-2008, Rv. 241238) . Né tale disciplina, posta a salvaguardia del
diritto alla difesa tecnica, vulnera alcun parametro costituzionale, onde la
problematica non dà luogo neanche a questione di legittimità costituzionale.
Oltre a ciò, occorre rilevare che, in relazione al reato di cui all’art 372 cp, il privato
che abbia subìto un danno riveste qualità di mero danneggiato e non di persona
offesa, non essendo il titolare dell’oggetto giuridico della norma.
Il ricorso va pertanto dichiarato inammissibile , con conseguente condanna al
pagamento delle spese processuali e al versamento a favore della cassa delle
ammende di una somma che si stima equo quantificare in euro 500.
PQM
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di euro 500 a favore della Cassa delle ammende.

Così deciso in Roma, all ‘udienza del 19-3-2015.

confronti dell’imputato, poiché alla persona offesa non compete la qualificazione di

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA