Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36436 del 18/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36436 Anno 2018
Presidente: IZZO FAUSTO
Relatore: MENICHETTI CARLA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
MURA MARCO nato il 05/02/1956 a CAGLIARI

avverso la sentenza del 04/10/2017 della CORTE APPELLO di CAGLIARI
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere CARLA MENICHETTI;

Data Udienza: 18/04/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Mura Marco ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe che lo ha riconosciuto colpevole del
reato di cui agli artt.81 cpv. c.p., 73, commi 1 e 1 bis, D.P.R.n.309/90, con la recidiva ex art.99,
comma quarto, c.p. per detenzione e cessione di sostanze stupefacenti tipo eroina e cocaina.
A motivo del ricorso lamenta illogicità e mancanza della motivazione con riferimento alla
contestazione della continuazione.

La doglianza, di mero fatto, non si confronta con il contenuto della sentenza impugnata, che
ha risposto in maniera corretta ed esaustiva ad analoga censura già prospettata con l’atto di
appello.
La Corte di Cagliari ha operato una puntuale descrizione della vicenda, non censurabile in
questa sede di legittimità, ed ha esposto in maniera logica e precisa le ragioni per le quali doveva
essere pronunciata la condanna e ritenuta la somma di 7.000,00 euro sequestrata all’imputato, il
profitto di precedenti cessioni.
Di qui la manifesta infondatezza della censura del ricorrente.
Alla

inammissibilità

del

ricorso,

riconducibile

a

colpa

del

ricorrente

(Corte

Cost.sent.n.186/2000) consegue la condanna del ricorrente medesimo al pagamento delle spese
processuali e di una somma che congruamente si determina in 3.000 euro, in favore della cassa
delle ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di C 3.000,00 in favore della cassa delle ammende.

Il ricorso è inammissibile.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA