Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36427 del 18/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36427 Anno 2018
Presidente: IZZO FAUSTO
Relatore: MENICHETTI CARLA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
DE LUCA VINCENZA nato il 14/09/1970 a PALERMO

avverso la sentenza del 31/10/2017 del GIP TRIBUNALE di PALERMO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere CARLA MENICHETTI;

Data Udienza: 18/04/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

De Luca Vincenza ricorre per cassazione avverso la sentenza di cui in epigrafe
recante applicazione della pena ai sensi dell’art.444 c.p.p. in ordine al delitto di cui
all’art.73 D.P.R.n.309/90 prospettando violazione di legge e vizio di motivazione in
relazione alla confisca del denaro ed all’affermazione di responsabilità.
L’impugnazione é manifestamente infondata.

considerazione del titolo del reato (detenzione a fini di spaccio di kg.3,045 di hashish e
gr.135 di cocaina) ha correttamente e logicamente ritenuto che il denaro trovato in
possesso dell’imputata costituisse il profitto delle illecite cessioni.
Quanto al denunciato vizio motivazionale, trattasi di un motivo che, oltre ad
essere oltremodo generico, non è deducibile ai sensi dell’art.448 bis c.p.p., in vigore dal
3 agosto 2017.
Il ricorso é quindi inammissibile.
Segue a norma dell’art.616 c.p.p. la condanna della ricorrente al pagamento delle
spese del procedimento ed al versamento in favore della cassa delle ammende, della
somma di C 3.000,00 a titolo di sanzione pecuniaria, non emergendo ragioni di esonero.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese
processuali e al versamento della somma di C 3.000,00 in favore della cassa delle
ammende.

Quanto alla disposta confisca del denaro in sequestro, il Tribunale di Palermo, in

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA