Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36387 del 07/07/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 3 Num. 36387 Anno 2015
Presidente: FIALE ALDO
Relatore: PEZZELLA VINCENZO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
FORMISANO GIUSEPPINA N. IL 01/03/1968
avverso l’ordinanza n. 134/2013 GIP TRIBUNALE di TORRE
ANNUNZIATA, del 18/09/2014
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. VINCENZO
PEZZELLA;
lette/s-etle conclusioni del PG Dott. 321PA-Quia122_(ìg,..irt,C,

(AZ GP4 ,(2A)
GE)

cQìsst9tic~ u-Lci.,1~-39-q,K(e

,,r1

Uditi i ensor Avv.;

eoli-ters2,140-(2

2

dk

9.e-~

Data Udienza: 07/07/2015

RITENUTO IN FATI-0
1. IThrribunale di Torre Annunziata, con ordinanza del 18 settembre 2014
rigettava l’istanza proposta da FORMISANO GIUSEPPINA volta ad ottenere la revoca, ovvero la sospensione, dell’ordine di demolizione ex art. 31 del DPR n. 380
emesso dal pubblico ministero in data 13.5.2013.

2. Ricorre per la cassazione di tale provvedimento, a mezzo del proprio
difensore di fiducia, Formisano Giuseppina, deducendo i motivi di seguito enun-

173, comma 1, disp. att., cod. proc. pen.:
• Erronea interpretazione di legge e difetto di motivazione in ordine alla
eccepita prescrizione dell’ordine di demolizione irrogato dal giudice penale.
La ricorrente deduce di aver sostenuto con specifiche argomentazioni che
l’ordine di demolizione era suscettibile di passare in giudicato sia perché rappresenta una sanzione penale, sia perché essendo eseguibile solo nel caso in cui la
demolizione non sia stata altrimenti eseguita, non trova esecuzione ogni qualvolta siano intervenuti provvedimenti amministrativi incompatibili quali sanatoria,
condono ecc…
Aveva inoltre dedotto al G.E. che la riserva contenuta nel comma 9
dell’art. 31 DPR 380/01, determinava non la revoca dell’ordine di demolizione,
ma la sua ineseguíbilità, quando sussistessero situazioni giuridiche impeditive o
incompatibili.
L’ordinanza impugnata, però, non avrebbe esaminato tali argomentazioni
limitandosi a richiamare la giurisprudenza secondo cui non può applicarsi la prescrizione all’ordine di demolizione, rimanendo quindi eseguibile in ogni tempo
salvo che sia intervenuto un provvedimento amministrativo incompatibile.
Il GIP non avrebbe motivato, quindi, sulla doglianza difensiva limitandosi
a ribadire che il giudice nell’irrogazione della sanzione di demolizione, non esercita un potere surrogatorio dell’attività amministrativa, ma svolge una funzione
giurisdizionale. Non risulterebbe valutata la questione dell’ineseguibilità
dell’ordine di demolizione allorquando sia intervenuto un provvedimento amministrativo che abbia sanato o comunque risolto l’illegittimità dell’abuso.
Chiede, pertanto, l’annullamento dell’ordinanza impugnata con rinvio.

Il P.G. presso questa Suprema Corte in data 12.2.2015 ha rassegnato
conclusioni scritte chiedendo dichiararsi l’inammissibilità del ricorso, con le pronunce consequenziali.

2

ciati nei limiti strettamente necessari per la motivazione, come disposto dall’art.

CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Il proposto ricorso è manifestamente infondato e pertanto va dichiarato inammissibile.

2. In relazione alla dedotta omessa valutazione della questione relativa
all’ineseguibilità dell’ordine di demolizione allorquando sia intervenuto un provvedimento amministrativo che abbia sanato o comunque risolto l’illegittimità

dalla ricorrente.
Va ricordato in proposito che in tema di reati edilizi, l’ordine di demolizione impartito dal giudice con la sentenza di condanna, per la sua natura di sanzione amministrativa applicata dall’autorità giudiziaria, non è suscettibile di passare in giudicato essendone sempre possibile la revoca quando esso risulti assolutamente incompatibile con i provvedimenti della P.A. che abbiano conferito
all’immobile una diversa destinazione o ne abbiano sanato l’abusività (così questa sez. 3, n. 3456 del 21.11.2012 dep. il 23.1.2013, Oliva, rv. 254426, in cui la
Corte, nell’affermare il principio, ha annullato il provvedimento di rigetto dell’istanza di revoca dell’ordine di demolizione emesso nonostante la pendenza della
procedura di condono).
Il giudice dell’esecuzione ha l’obbligo di revocare l’ordine di demolizione del
manufatto abusivo impartito con la sentenza di condanna o di patteggiamento,
ove sopravvengano atti amministrativi con esso del tutto incompatibili, ed ha,
invece, la facoltà di disporne la sospensione quando sia concretamente prevedibile e probabile l’emissione, entro breve tempo, di atti amministrativi incompatibili (cfr. sez. 3, n. 24273 del 24.3.2010, Petrone, rv. 247791). Nello specifico, il
giudice dell’esecuzione, investito della richiesta di revoca o di sospensione
dell’ordine di demolizione delle opere abusive di cui all’art. 31 d.P.R. n. 380 del
2001 in conseguenza della presentazione di una istanza di condono o sanatoria
successiva al passaggio in giudicato della sentenza di condanna, è tenuto a esaminare i possibili esiti ed i tempi di conclusione del procedimento amministrativo
e, in particolare: a) il prevedibile risultato dell’istanza e la sussistenza di eventuali cause ostative al suo accoglimento; b) la durata necessaria per la definizione della procedura, che può determinare la sospensione dell’esecuzione solo nel
caso di un suo rapido esaurimento (cfr. ex multis sez. 3, n. 47263 del 25.9.2014,
Russo, rv. 261212; sez. 3, n. 42978 del 17.10.2007, Parisi, rv. 238145).
E’ stato anche precisato che l’ordine di demolizione impartito dal giudice
con la sentenza di condanna è suscettibile di revoca quando risulti assolutamente
incompatibile con atti amministrativi della competente autorità, che abbiano con3

dell’abuso, va rilevato che alcun provvedimento specifico è mai stato invocato

ferito all’immobile una diversa destinazione o ne abbiano sanato l’abusività, fermo restando il potere-dovere del giudice dell’esecuzione di verificare la legittimità dell’atto concessorio sotto il duplice profilo della sussistenza dei presupposti
per la sua emanazione e dei requisiti di forma e di sostanza richiesti dalla legge
per il corretto esercizio del potere di rilascio (sez. 3, n. 47402 del 21.10.2014,
Chisci ed altro, rv. 260972).
IitTribunale di Torre Annunziata in funzione di G.E. ha perciò correttamente
ritenuto che l’ordine di demolizione può essere sempre revocato quando risulti

vedano alla sanatoria, ma detta incompatibilità deve essere esistente ed insanabile al momento della decisone, mentre non può essere futura e meramente
eventuale.

3. Quanto alla dedotta prescrizione, costituisce jus receptum di questa
Corte Suprema l’affermazione secondo cui in tema di reati edilizi, l’ordine di demolizione del manufatto abusivo non è soggetto né alla prescrizione stabilita
dall’art. 173 cod. pen. per le sanzioni penali, in quanto sanzione amministrativa,
né alla prescrizione stabilita dall’art. 28 legge n. 689 del 1981 riguardante, infatti, unicamente le sanzioni pecuniarie con finalità punitiva (sez. 3, ord. n. 19742
del 14.4.2011, Mercurio ed altro, rv. 250336; sez. 3, n. 43006 del 10.11.2010,
La Mela, rv. 248670; sez. 3, n. 39705 del 30.4.2003, Pasquale, rv. 226573).

4. Essendo il ricorso inammissibile e, a norma dell’art. 616 cod. proc.
pen, non ravvisandosi assenza di colpa nella determinazione della causa di
inammissibilità (Corte Cost. sent. n. 186 del 13.6.2000), alla condanna della ricorrente al pagamento delle spese del procedimento consegue quella al pagamento della sanzione pecuniaria nella misura indicata in dispositivo

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di € 1000,00 in favore della Cassa delle Ammende.
Così deciso in Roma il 7 luglio 2015
Il f sigliere estensore
,

Il Presidente

incompatibile con atti amministrativi che conferiscano altra destinazione o prov-

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA