Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36370 del 18/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36370 Anno 2018
Presidente: IZZO FAUSTO
Relatore: MENICHETTI CARLA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
GOMIS VICTOR nato il 24/12/1990

avverso la sentenza del 18/09/2017 della CORTE APPELLO di TORINO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere CARLA MENICHETTI;

Data Udienza: 18/04/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Gomis Victor ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe che lo ha riconosciuto colpevole del
reato di cui all’art.73, comma 5, D.P.R.n.309/90, con la recidiva specifica a pena espiata.
A motivo del ricorso lamenta violazione di legge e vizio motivazionale in ordine alla
quantificazione della pena, con particolare riferimento al bilanciamento delle concesse attenuanti
generiche in soli termini di equivalenza, e non prevalenza, sulla ritenuta recidiva.

La doglianza non si confronta con il contenuto della sentenza impugnata, che ha risposto in
maniera corretta ed esaustiva a quanto già prospettato dalla difesa in sede di gravame,
considerando che la confessione, che aveva portato al riconoscimento delle attenuanti generiche,
era in buona sostanza necessitata dallo stato di flagranza in cui l’imputato era stato colto, dalle
dichiarazioni rese dall’acquirente e dall’esito della TC addome completo, che aveva rilevato la
presenza di corpi estranei nel tratto gastrointestinale.
Alla

inammissibilità

del

ricorso,

riconducibile

a

colpa

del

ricorrente

(Corte

Cost.sent.n.186/2000) consegue la condanna del ricorrente medesimo al pagamento delle spese
processuali e di una somma che congruamente si determina in 3.000 euro, in favore della cassa
delle ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di C 3.000,00 in favore della cassa delle ammende.

Il ricorso è inammissibile.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA