Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36053 del 09/07/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 36053 Anno 2015
Presidente: ROMIS VINCENZO
Relatore: MASSAFRA UMBERTO

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI
NAPOLI
nei confronti di:
GALLO GIUSEPPE N. IL 07/10/1976
avverso la sentenza n. 22695/2009 CORTE APPELLO di NAPOLI, del
24/06/2014
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 09/07/2015 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. UMBERTO MASSAFRA
Udito il Procuratore Gffierale in per ma delDott.
che ha concluso per
p cri‹. 1„-tt0 cxe-f242—

_
brAMR 1(31)(922”

.e

cite<7142-Q_ 1% it?147441.; 16313( (im 4 („íe foto Teve,40 bed4;44z.a44-,. /)7 ,* Udito, per la parte civil 'Avv Udit i difensor Av aet, Data Udienza: 09/07/2015 -(( 24 tf-a147- -- 0-!;e--Ìo 74; /1u7- €t - oimí- Ritenuto in fatto 1. Ricorre per cassazione il Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli avverso la sentenza emessa in data 24.6.2014 dalla Corte di appello di Napoli che in riforma di quella resa in data 18.10.2013 dal G.u.p. del Tribunale di Napoli, dichiarava non doversi procedere nei confronti di Gallo Giuseppe per essere stato questi già giudicato con sentenza n. 534/2011 del G.u.p. del Tribunale di Napoli dell'8.2.2011 in ordine ai medesimi fatti a lui ascritti (2 delitti di cui agli artt. 81 cpv. settembre 2004 in Napoli e Santi Cosma e Damiano). 2. Deduce i seguenti motivi. 2.1. La violazione di legge in relazione alla pronuncia di non doversi procedere ai sensi dell'art. 649 c.p.p. e l'insufficienza ed erroneità della motivazione in ordine alle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Bruno Ciro in data 29.1.2010 e 4.2.2010 richiamate in sentenza. Assume, in particolare, che quanto ritenuto dalla Corte e cioè che "nei due episodi in contestazione non avvenne altro che il pagamento del prezzo effettuato prima della consegna dello stupefacente avvenuta il 14.9.2004" era in evidente contrasto con quanto dichiarato dal collaboratore Bruno il quale aveva riferito di aver consegnato i giorni 8 e 13 settembre 2004 denaro per partite di droga già ricevute in consegna, e che si era recato nel villa in questione ben sette volte giungendo a ricevere, nel complesso, 50 kg. di cocaina. Quindi i fatti di cui alla sentenza impugnata erano diversi da quelli di cui al capo T della precedente sentenza. 2.2. Il vizio motivazionale in relazione alle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia Bruno Ciro del 29.1.2010 e 4.2.2010 richiamate in sentenza. Considerato in diritto 3. Il ricorso è infondato e va respinto. 4. Le censure mosse pretendono di imporre una valutazione delle emergenze processuali diversa da quella operata dalla Corte territoriale, risolvendosi in deduzioni in punto di fatto, non consentite in questa sede, sottraendosi la motivazione della impugnata sentenza ad ogni sindacato per le connotazioni di coerenza, di completezza 110, 112 n. 1 c.p. e 73 co. 1 e 6 dPR 309/1990, commessi rispettivamente 1'8 e il 13 e di razionalità dei suoi contenuti ed esulando dai poteri di questa Corte di legittimità la "rilettura" degli elementi di fatto, posti a sostegno della decisione, il cui apprezzamento è riservato in via esclusiva al giudice di merito (Sez. Un. N.6402/97, imp. Dessimone ed altri, Rv. 207944) Infatti, come si evince dalla stessa sentenza impugnata (pag. 5), laddove si riportano le dichiarazioni del Bruno relative al filmato dell'8.9.2004 ad ore 16:29, il collaboratore ha precisato, dopo aver dichiarato che "in questa occasione gli vennero consegnati 4/5 chilogrammi di cocaina", che non era stato in quella circostanza il Gallo a consegnargli cocaina, bensì era stato lui stesso a mettere nel borsone nero posto dal Gallo nel portabagagli -della sua auto, il denaro contante "che lì era nascosto 2 qiAt e suddiviso in pacchetti dentro buste di plastica": dunque non si rinviene alcun riferimento ad una consegna di droga pregressa o contestuale da parte del Gallo. Quanto all'episodio del 13.9.2004, il Bruno, dopo aver visionato il filmato registrato in quella data dalla P.G ad ore 16:44, riferisce che in quell'occasione egli tirava fuori dal portabagagli della sua autovettura alcune buste di plastica contenenti denaro "che doveva consegnare a Gallo Giuseppe o a suo fratello Antonio, in relazione ad una partita di droga ricevuta in consegna". Quindi, benchè non si evinca chiaramente, indicare una partita di droga che sarebbe stata nell'immediato futuro (cioè il giorno dopo) consegnata nell'ambito delle plurime e cospicue cessioni programmate ed effettuate presso la villa, come evidenziato dallo stesso ricorso. Pertanto, tenuto conto anche del rilievo secondo il quale il reato di cessione di stupefacenti si consuma nel momento in cui viene raggiunto il consenso tra venditore ed acquirente, indipendentemente dall'effettiva consegna e dal pagamento del prezzo ed in ossequio al principio del "favor rei", si deve ritenere non univoca oltre che improponibile l'interpretazione dei fatti offerta dalla Parte pubblica ricorrente e propendere per la tesi accolta dalla sentenza impugnata. 5. Consegue il rigetto del ricorso. P.Q.M. Rigetta il ricorso. Così deciso in Roma, il 9.7.2015 nulla esclude che il participio "ricevuta", sia stato adoperato impropriamente per

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA