Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 36017 del 06/06/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 36017 Anno 2013
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: GARRIBBA TITO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:VENZI STEFANO N. IL 15/07/1963
-0-0C
avverso la sentenza n.-2,16/2010 CORTE APPELLO di BOLOGNA, del
13/01/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. TITO GARRIBBA;

Data Udienza: 06/06/2013

MOTIVI DELLA DECISIONE

§1.

VENZI Stefano ricorre contro la sentenza d’appello specificata in

epigrafe, che confermava la condanna per il reato previsto dall’art. 47 ter, comma 8,
ord.pen., e denuncia inosservanza della legge penale:
1. perché è stata ritenuta la sussistenza del reato pur mancando la prova che l’allontanamento dal domicilio si sarebbe protratta per più di dodici ore;
2.

perchè è stata negata la concessione delle attenuanti generiche a causa dei

via del recupero sociale.

§2.

I motivi di ricorso sono manifestamente infondati.

Il primo, perché la previsione che l’assenza ingiustificata dal domicilio si
protragga per più di dodici ore non riguarda il presente caso, ma quello della condannata madre di prole di età non superiore a dieci anni.
Il secondo, perché la concessione o meno delle attenuanti generiche rientra
nell’ambito di un giudizio di fatto rimesso al potere discrezionale del giudice di merito,
il cui esercizio deve essere motivato nei soli limiti atti a fare emergere la valutazione
circa l’adeguamento della pena concretamente irrogata alla gravità del fatto e alla personalità del reo. Non è pertanto necessario che il giudice prenda in considerazione tutti
gli elementi favorevoli o sfavorevoli dedotti dalla parte o rilevabili dagli atti, ma è sufficiente – come è avvenuto nella fattispecie – che indichi quelli ritenuti decisivi o comunque rilevanti, rimanendo implicitamente disattesi tutti gli altri (v. Cass., Sez. 6, n.
41365 del 28.10.2010, Straface, rv 248737; idem, n. 34364 del 16.6.2010, Giovane,
rv 248244).
Il ricorso deve dunque essere dichiarato inammissibile ai sensi dell’art. 606,
comma 3, cod.proc.pen. Ne consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma, ritenuta congrua, di euro mille alla Cassa delle ammende.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di euro mille in favore alla Cassa delle
ammende.
Così deciso il 6 giugno 2013.
Il Consigliere estensore
Tit Garrig

IDE?”0,ATATA i

IN CANCELLERIA

Il Pr sidente

– 3 SET 2013
Il Funzionerio 9judiziario

Anto

“numerosissimi precedenti penali” senza considerare i progressi compiuti sulla

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA