Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 35906 del 01/09/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

3

Penale Sent. Sez. F Num. 35906 Anno 2015
Presidente: FIANDANESE FRANCO
Relatore: PETRUZZELLIS ANNA

SENTENZA
sul ricorso proposto da
Di Silvio Emiliano, nato a Velletri il 05/08/1973
avverso l’ordinanza del 20/07/2015 del Magistrato di sorveglianza di Roma
visti gli atti, il provvedimento denunziato e il ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Anna Petruzzellis;
letta la requisitoria del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore
generale Ciro Angelillis, che ha concluso chiedendo l’annullamento senza rinvio
del provvedimento impugnato;
RITENUTO IN FATTO
1. Il Magistrato di sorveglianza di Roma, con ordinanza del 20/07/2015,
ha revocato la detenzione domiciliare disposta in favore di Di Silvio Emiliano in
applicazione della I. 26/11/2010 n.199, e successive modificazioni, in ragione
della ricezione di una notizia di reato attribuita all’interessato durante
l’esecuzione della pena.
2. La difesa dell’interessato nel suo ricorso deduce violazione di cui all’alt.
606 comma 1 lett. b) cod. proc. pen., in relazione all’art. 1 della I. cit. nonché
degli artt. 51 ter, 69 e 70 ord. pen. per essere intervenuta in tema di revoca
autorità incompetente, che doveva essere correttamente individuata nel
Tribunale di sorveglianza.
CONSIDERATO IN DIRITTO
1. Il ricorso è fondato.
2. Come già osservato da precedenti di questa Corte sul punto (Sez. 1,
Sentenza n. 50149 del 14/10/2014) la I. 26/11/2010 n.199, nell’ampliare le
possibilità del detenuto di scontare la pena presso la sua abitazione, per chiare

Data Udienza: 01/09/2015

ragioni deflattive, mentre ha espressamente previsto al suo art. 1 comma 8
ultima parte, la competenza a riconoscere la detenzione domiciliare al magistrato
di sorveglianza, richiamando un procedimento snello per la sua applicazione,
quale quello riguardante la concessione della liberazione anticipata di cui al
comma 5 della stessa disposizione, nulla ha previsto sul potere di revoca di tale
ig)222_
,-6,.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA