Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 35898 del 19/05/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 35898 Anno 2015
Presidente: FIANDANESE FRANCO
Relatore: VERGA GIOVANNA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
LACCETTI ROSARIO MARIA N. IL 12/09/1956
avverso la sentenza n. 49/2013 CORTE APPELLO di BARI, del
11/11/2013
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 19/05/2015 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. GIOVANNA VERGA
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. I-9A,a-ce_P-ec
che ha concluso per j i

Udito, per la parte civile, l’Avv
Uditi difensor Avv.

Data Udienza: 19/05/2015

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con sentenza in data 11 novembre 2013 la Corte d’appello di Bari confermava la sentenza del
Tribunale di Foggia che il 2 aprile 2012 aveva condannato LACCETTI Rosario Maria per
appropriazione indebita aggravata
Ricorre per Cassazione, a mezzo del difensore, l’imputato deducendo che la sentenza

1. violazione di legge e vizio della motivazione laddove non ha tenuto conto del legittimo
impedimento avanzato dall’avvocato che aveva chiesto il differimento dell’udienza per
concomitante impegno processuale;
2. violazione di legge e vizio della motivazione. Sostiene che la corte d’appello non ha
tenuto conto delle doglianze difensive;
3. violazione di legge e vizio della motivazione. Contesta la valutazione degli elementi
probatori con particolare riferimento al contenuto delle testimonianze di Palmieri e
Montrano
4.

violazione di legge e vizio della motivazione con riguardo alle doglianze difensive
relative al sussistenza del concorso di persone nel reato e in relazione alla presunta
istigazione del ricorrente affinché il padre commettesse il reato.

Il primo motivo è aspecifico perché non fornisce alcuna indicazione in ordine all’asserita istanza
di differimento della quale non vi è traccia in atti. Gli ulteriori motivi riguardano diverso
processo
Il ricorso è pertanto inammissibile e il ricorrente deve essere condannato al pagamento delle
spese processuali e della somma di C 1000,00 da versare alla Cassa delle Ammende.
P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorsoYcondanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e
della somma di euro 1000,00 alla Cassa delle Ammende.
Così deliberato in Roma il 19.5.2015
Il Consigliere estensore
Giovanna VERGA

Il Presidente
anco FIA DANESE
~533,:uu-5
riso

impugnata è incorsa:

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA