Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 35632 del 10/12/2014


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 35632 Anno 2015
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: DI SALVO EMANUELE

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
EL SAYED MOHAMED N. IL 01/01/1982
avverso la sentenza n. 159/2014 TRIBUNALE di CREMONA, del
15/03/2014
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. EMANUELE DI
SALVO;

Data Udienza: 10/12/2014

OSSERVA
El Sayed Mohamed ricorre per cassazione avverso la sentenza indicata in epigrafe,
emessa ex art. 444 cpp, deducendo inimputabilità del ricorrente , affetto da
patologia psicotica.
La doglianza formulata si colloca sul piano del merito, comportando l’acquisizione e
la valutazione di elementi e l’espletamento di accertamenti incompatibili con il
all’imputabilità e alla capacità di partecipare coscientemente al processo non
costituisce vizio della sentenza impugnata, risultando dal ricorso stesso che nel
processo conclusosi con quest’ultima non sono emerse le condizioni di rilievo
psicopatologico dell’imputato, ragion per cui l’esistenza di una problematica in tal
senso era del tutto sconosciuta non solo all’organo decidente ma allo stesso
difensore. Trattasi pertanto di tematica che non può essere dedotta per la prima
volta in sede di legittimità.
Il ricorso deve dunque essere dichiarato inammissibile, con conseguente condanna
del ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 1500 ,
determinata in considerazione della natura del provvedimento impugnato , in
favore della Cassa delle ammende.

PQM
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e della somma di euro millecinquecento in favore della
Cassa delle ammende.

Così deciso in Roma , all ‘udienza del 10-12-2014.

giudizio di legittimità. D’altronde l’omesso vaglio della tematica relativa

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA