Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 35542 del 02/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 35542 Anno 2018
Presidente: BONI MONICA
Relatore: ESPOSITO ALDO

Data Udienza: 02/03/2018

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE TRIBUNALE DI
FIRENZE
nel procedimento a carico di:
BEGAJ ERVIS nato il 19/08/1984

avverso la sentenza del 05/05/2017 del TRIBUNALE di FIRENZE
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ALDO ESPOSITO;

4

RILEVATO IN FATTO

Con la sentenza indicata in epigrafe il Tribunale di Firenze ha assolto Begaj
Ervis dal reato di cui all’art. 235, comma terzo, cod. pen. perché il fatto non
sussiste.
Il pubblico ministero presso il Tribunale di Firenze ricorre per Cassazione
avverso l’ordinanza di non convalida di arresto, emessa nell’ambito del
medesimo procedimento celebratosi con le forme del giudizio direttissimo, per

giudicante non si è limitato alla verifica delle sole condizioni legittimanti la
privazione della libertà personale, bensì ha esteso il controllo alla sussistenza dei
presupposti per l’affermazione di responsabilità.

CONSIDERATO IN DIRITTO

Il ricorso è basato su motivi non proponibili in sede di legittimità.
All’esito di giudizio di non convalida dell’arresto, il Tribunale di Firenze ha
assolto il Begaj dal reato di cui all’art. 235, comma terzo, cod. pen..
Il pubblico ministero ricorre avverso l’ordinanza di non convalida dell’arresto
(presente agli atti del procedimento).
I motivi di impugnazione risultano generici, perché intrinsecamente
indeterminati e privi della necessaria correlazione con le ragioni poste a
fondamento del provvedimento impugnato (Sez. 5, n. 28011 del 15/02/2013,
Sammarco, Rv. 255568).
Né il pubblico ministero evidenzia l’interesse ad impugnare l’ordinanza di
non convalida, tenuto conto dell’assoluzione del Begaj, con formula piena,
all’esito del giudizio di merito.
Per queste ragioni, il ricorso deve essere dichiarato inammissibile.

P. Q. M.

Dichiara inammissibile il ricorso.
Così deciso in Roma il 2 marzo 2018.

violazione dell’art. 381 cod. proc. pen.. Il ricorrente deduce che l’organo

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA