Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 33 del 05/09/2013


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. F Num. 33 Anno 2014
Presidente: SIOTTO MARIA CRISTINA
Relatore: DI SALVO EMANUELE

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
CACCIAPUOTI LUIGI N. IL 14/01/1980
PASSERI FEDERICO N. IL 15/02/1983
avverso la sentenza n. 2721/2012 TRIBUNALE di RIMINI, del
10/12/2012
visti gli atti, la sentenza e il ricorso
udita in PUBBLICA UDIENZA del 05/09/2013 la relazione fatta dal
Consigliere Dott. EMANUELE DI SALVO
Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. r-t
F
che ha concluso per
1,4

timktitiu

I [zii

Udito, per la parte civile, l’Avv
Uditi difensor Avv.

I TA

Data Udienza: 05/09/2013

RITENUTO IN FATTO
1. Passeri Federico e Cacciapuoti Luigi ricorrono per cassazione avverso la
sentenza del Tribunale di Rimini, in data 10-12-12, con la quale è stata applicata ai
ricorrenti , ex art 444 cpp , la pena di anni uno di reclusione ed euro 3000 di

2. Entrambi i ricorrenti lamentano , con unico motivo,la mancata disapplicazione
della recidiva ex art 99 co 4 cp , non potendosi considerare le condotte in
disamina sintomo di una pericolosità sociale tale da giustificare l’aggravante in
esame , aggiungendo che , sebbene essa sia stata considerata subvalente
rispetto all’attenuante di cui all’art 73 co 5 I. stup. , residua un interesse ad
impugnare in relazione ad un possibile divieto di sospensiva dell’ordine di
esecuzione in caso di recidiva reiterata, pur se ritenuta subvalente.
2.1.Del pari immotivato è il diniego delle circostanze attenuanti generiche e
della sospensione condizionale della pena , atteso il comportamento processuale
improntato alla resipiscenza.
Si chiede pertanto annullamento della sentenza impugnata.
CONSIDERATO IN DIRITTO
3. I ricorsi sono inammissibili. Occorre infatti osservare come il giudice abbia
statuito conformemente all’accordo delle parti , essendogli precluse la
disapplicazione della recidiva e la concessione di circostanze attenuanti e del
beneficio della sospensione condizionale della pena che non abbiano formato
oggetto del predetto accordo ( Sez Un. 11-5-93, lovine , rv. n. 193417) , onde le
censure sono manifestamente infondate.
4. Consegue alla dichiarazione di inammissibilità la condanna dei ricorrenti al
pagamento delle spese processuali e della somma di euro 1500 , determinata in
considerazione della natura del provvedimento impugnato , in favore della

multa, in ordine al delitto di cui all’art 73 DPR 309/90.

Cassa delle ammende
PQM

DICHIARA INAMMISSIBILI I RICORSI E CONDANNA I RICORRENTI AL PAGAMENTO DELLE SPESE PROCESSUALI
E CIASCUNO AL VERSAMENTO DELLA SOMMA DI EURO 1500 ALLA CASSA DELLE AMMENDE.

Così deciso in Roma, all ‘udienza del 5-9-13 .

~TATA
IN CANCLLLDRIA

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA