Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 3205 del 18/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 3205 Anno 2016
Presidente: BONITO FRANCESCO MARIA SILVIO
Relatore: BONI MONICA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
FAZZARI MASSIMILIANO N. IL 01/02/1979
avverso la sentenza n. 15178/2014 CORTE APPELLO di ROMA, del
16/04/2015
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. MONICA BONI;

Data Udienza: 18/11/2015

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza resa il 16 aprile 2015 la Corte di Appello di Roma riformava
parzialmente la sentenza del locale Tribunale in data 4 novembre 2014 e riduceva
ad anni due, mesi sei di reclusione ed euro 3.000,00 di multa la pena inflitta
all’imputato Massimiliano Fazzari in ordine ai reati di detenzione e ricettazione di
arma comune da sparo clandestina, confermando nel resto l’impugnata sentenza.

personalmente, il quale ne lamenta la nullità per vizio di motivazione per non avere
il giudice di appello offerto risposta esauriente e logica in ordine al tema
dell’esclusione delle cause di proscioglimento.

Considerato in diritto

Successivamente alla proposizione del ricorso il proponente ha trasmesso
dichiarazione di rinuncia. Ai sensi dell’art. 591 cod. proc. pen. l’impugnazione è
inammissibile; ne segue la condanna del ricorrente al pagamento delle spese
processuali e, in ragione dei profili di colpa insiti nella proposizione di impugnazione
di tale tenore, della somma che si stima equo determinare in euro 500,00 in favore
della Cassa delle Ammende.

P. Q. M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro 500,00 alla Cassa delle Ammende.
Così deciso in Roma, il 18 novembre 2015.

2. Avverso la suddetta sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’imputato

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA