Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 31 del 30/11/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 31 Anno 2017
Presidente: FUMU GIACOMO
Relatore: DE SANTIS ANNA MARIA

SENTENZA
sul ricorso proposto da
Catanzaro Antonino, n. a Palermo il 28.3.1982
avverso l’ordinanza resa in data 1/8/2016 dal Tribunale di Palermo- Sezione per il riesame dei
provvedimenti cautelari personali e realiVisti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;
Udita nell’udienza camerale del 30/11/2016 la relazione fatta dal Consigliere Anna Maria De
Santis;
Udita la requisitoria del Sostituto Procuratore Generale , dott. Oscar Cedrangolo , che ha
chiesto dichiararsi l’inammissibilità del ricorso ;
Udito il difensore, Avv. Francesco Oddo, che ha chiesto l’accoglimento del ricorso

l

1

Q0-7

Data Udienza: 30/11/2016

RITENUTO IN FATTO
1.Con l’impugnata ordinanza il Tribunale di Palermo- Sezione per il riesame dei provvedimenti
cautelari- rigettava l’istanza avanzata ex art. 309 cod.proc.pen. nell’interesse del Catanzaro
avverso l’ordinanza emessa il 4/7/2016 dal Gip dello stesso Tribunale che aveva applicato
all’indagato la misura della custodia in carcere in relazione agli addebiti di ricettazione e rapina
continuata pluriaggravata, fatti tutti commessi in Palermo la notte del 25/7/2015.
1.2 Avverso il provvedimento ha proposto ricorso per Cassazione Catanzaro Antonino, a

cod.proc.pen in relazione agli artt. 274 e 275 cod.proc.pen. con riguardo alla ritenuta
sussistenza di esigenze cautelari attuali e concrete e all’applicazione della misura della
custodia in carcere, in luogo di altre di minore afflittività, anche alla luce delle modifiche
apportate alla normativa processuale di riferimento dalla L. n. 47/2015.

CONSIDERATO IN DIRITTO
2. Il ricorso è inammissibile per genericità ed aspecificità del motivo proposto che, a fronte
dell’articolata ordinanza reiettiva del gravame, ricusa il confronto con le argomentazioni del
Tribunale, limitandosi a ricostruire il percorso normativo e gli arresti giurisprudenziali in tema
di esigenze cautelari.
L’articolazione del ricorso è, pertanto, inidonea ad illustrare il vizio enunciato e dedotto ,
stante l’assenza di specifica ed esaustiva argomentazione che si riferisca al provvedimento
impugnato e si rapporti alla sua motivazione (Sez. 4, n. 38202 del 07/07/2016 , Ruci, Rv.
267611;Sez. 4, n. 18826 del 09/02/2012 , Pezzo, Rv. 253849), in primis con il dato ostativo
all’adozione dell’invocata misura autocustodiale costituito dalla condanna irrevocabile del
ricorrente per il delitto di evasione.
L’assenza di correlazione tra le ragioni dell’ordinanza impugnata e quelle, del tutto
indeterminate, poste a fondamento dell’impugnazione in esame integra la palese inosservanza
del disposto di cui all’art. 581 lett. c) cod.proc. pen.- che postula che i motivi siano sostanziati
dalla specifica indicazione delle ragioni di diritto e degli elementi di fatto che sorreggono ogni
richiesta- con conseguente inammissibilità a norma dell’art. 591 comma 1 lett.c) cod.proc.pen.
3. Alla declaratoria di inammissibilità consegue, a norma dell’art. 616 cod.proc.pen., la
condanna del ricorrente alle spese processuali e alla sanzione pecuniaria di cui in dispositivo, in
considerazione dei profili di colpa

a suo carico ravvisabili nella determinazione dell’esito

processuale.

P.Q.M.

2

mezzo del difensore , deducendo la violazione dell’art. 606 comma 1 lett. b) ed e)

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e alla somma di millecinquecento euro a favore della Cassa delle Ammende.
Si provveda ai sensi dell’art. 94.1ter Disp. Att. C.P.P.
Così deciso il 30/11/2016.

Anna Maria De

ntis

Il

idente

Giace o Fumu

Il Consigliere estensore

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA