Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 2906 del 07/12/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 2906 Anno 2013
Presidente: SQUASSONI CLAUDIA
Relatore: GAZZARA SANTI

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
1) LABIDI HASSAN N. IL 01/01/1960
avverso la sentenza n. 1569/2011 CORTE APPELLO di BOLOGNA,
del 21/10/2011
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. SANTI GAZZARA;

Data Udienza: 07/12/2012

Ritenuto:
-che il tribunale di Bologna, con sentenza del 16/3/2011, resa a seguito di rito abbreviato dichiarava
Hassan Labidi colpevole del reato di cui all’art. 73, co. 1 e l bis, d.P.R. 309/90, perché illecitamente
deteneva a fine di spaccio sostanza stupefacente del tipo hashish, e lo condannava alla pena mesi
10 di reclusione ed euro 2.000,00 di multa;

-che avverso detta pronuncia il difensore del prevenuto ha proposto ricorso per cassazione,
eccependo violazione di legge e vizio di motivazione con riguardo alla mancata assoluzione del
Labidi;
-che le censure mosse palesano il tentativo di procedere ad una analisi rivalutativa delle emergenze
istruttorie, sulle quali al giudice di legittimità è precluso un nuovo esame estimativo, muovendo
rilievi in fatto, che non sono proponibili con il ricorso per cassazione;
-che, peraltro, dal vaglio di legittimità, a cui è stata sottoposta la impugnata pronuncia, emerge, con
netta evidenza che il giudice di merito è pervenuto ad affermare la sussistenza del reato e la
ascrivibilità di esso in capo al prevenuto, a seguito di una analitica ed esaustiva disamina della
piattaforma probatoria;
-che il ricorso va dichiarato inammissibile con le conseguenze di legge;

P. Q. M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e al
versamento in favore della cassa delle ammende della somma di euro 1.000,00.
Così deliberato in camera di consiglio il 7/12/2012.

-che con sentenza del 21/10/2011 la corte di appello di Bologna, chiamata a pronunciarsi
sull’appello interposto nell’interesse dell’imputato, ha confermato il decisum di prime cure;

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA