Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 2762 del 10/11/2015


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 2762 Anno 2016
Presidente: FIANDANESE FRANCO
Relatore: VERGA GIOVANNA

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
PAPALE FRANCESCO N. IL 09/05/1959
avverso l’ordinanza n. 716/2015 TRIB. LIBERTA’ di MILANO, del
24/06/2015
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. GIOVANNA VERGA;
lette/sentite le conclusioni del PG Dott. ot.A.,:
9-1 .e-~” LIer-k-1
321 6
ki›..2, I
d39-91 71. 4. CAC)–CD

Udit i difensor Avv.;

Data Udienza: 10/11/2015

MOTIVI DELLA DECISIONE

Ricorre per Cassazione PAPALE Francesco avverso l’ordinanza del Tribunale del riesame di
Milano che, in data 24 giugno 2015, ha confermato l’ordinanza di rigetto della richiesta di
revoca della misura della custodia cautelare in carcere, emessa dalla Corte d’appello di Milano
il 4 giugno 2015, misura applicatagli dal Giudice per le indagini preliminari di Milano in

Nei motivi di ricorso lamenta il ricorrente la non corretta valutazione dei fatti da parte dei
giudici che si sono occupati della sua vicende che ripercorre nelle linee essenziali.
Il ricorso è inammissibile per sopravvenuta carenza di interesse essendo divenuta definitiva in
data odierna la sentenza della Corte d’Appello di Milano che il 20 febbraio 2015 ha confermato
la sentenza del Tribunale di Milano che in data 21 gennaio 2014 aveva condannato PAPALE
Francesco per circonvenzione di incapace in danno di Cocchetti Renato.
P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse. Si provveda a norma
dell’art. 94 disp. att. c.p.p., comma 1 ter.
Così deciso in Roma, il 10.11.2015

relazione al reato di circonvenzione di incapace commesso ai danni di Cocchetti Renato.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA