Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 2523 del 11/12/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 2523 Anno 2013
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: GARRIBBA TITO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
1) CENTRELLA SILVANA N. IL 09/04/1955
2) ULPIANI PAOLO N. IL 26/01/1979
avverso il decreto n. 1948/2011 GIP TRIBUNALE di ASCOLI
PICENO, del 05/04/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relaziqpe fatta dal Consigliere Dott. TITO GARRMBA;

Data Udienza: 11/12/2012

MOTIVI DELLA DECISIONE

§1.

CENTRELLA Silvana e ULPIANI Paolo ricorrono personalmente

contro l’ordinanza specificata in epigrafe, che disponeva l’archiviazione del procedimento penale iniziato nei confronti di Ulpiani Gianna, Ulpiani Carlo e Campanelli Luigi,
e, esprimendo dissenso sulle ragioni del provvedimento, chiedono la prosecuzione del-

§2.

I ricorsi sono inammissibili, perché la persona offesa dal reato

non ha la facoltà di proporre personalmente ricorso per cassazione sottoscrivendo il
relativo atto. Infatti, per la valida instaurazione del giudizio di legittimità, si applica la
regola dettata dall’art. 613 cod.proc.pen., secondo cui l’atto di impugnazione deve essere sottoscritto, a pena di inammissibilità, dal difensore iscritto nell’apposito albo
(Cass., Sez. U., 16.12.1998, Messina, rv 212076; idem, n. 47473 del 27.9.2007, Lo
Mauro, rv 237854).
Inoltre si deve rammentare che il provvedimento di archiviazione, per il
combinato disposto degli artt. 127 e 409, comma 6, cod.proc.pen. è inoppugnabile,
salva l’ipotesi – qui non ricorrente – di violazione del principio del contraddittorio nei
confronti della persona offesa dal reato.
I ricorsi devono dunque essere dichiarati inammissibili. Ne consegue la condanna dei ricorrenti al pagamento delle spese processuali e della somma, ritenuta congrua, di euro cinquecento ciascuno alla cassa delle ammende.

Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di euro cinquecento per ciascuno in favore della Cassa delle ammende.
Così deciso 1’11 dicembre 2012.

le indagini.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA