Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 22284 del 25/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 22284 Anno 2018
Presidente: TARDIO ANGELA
Relatore: ROCCHI GIACOMO

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE TRIBUNALE DI
NAPOLI
nel procedimento a carico di:
TERRACCIANO FRANCESCO nato il 23/09/1981 a NAPOLI

avverso l’ordinanza del 06/07/2017 del TRIB. LIBERTA’ di NAPOLI
sentita la relazione svolta dal Consigliere GIACOMO ROCCHI;
sentite le conclusioni del PG MARILIA DI NARDO che ha chiesto il rigetto del
ricorso del P.M..
Udito il difensore avvocato DE LIA ANDREA che ha chiesto il rigetto del ricorso

Data Udienza: 25/01/2018

del P.M..

(

RITENUTO IN FATTO

1. Con l’ordinanza indicata in epigrafe, il Tribunale di Napoli, provvedendo
sulla richiesta di riesame proposta nell’interesse di Terracciano Francesco
avverso quella del Giudice per le indagini preliminari dello stesso Tribunale
applicativa della misura della custodia cautelare in carcere per il delitto di
omicidio aggravato ai sensi dell’art. 7 legge 203 del 1991, annullava l’ordinanza
impugnata e disponeva l’immediata scarcerazione del richiedente.

ma riteneva insussistenti le esigenze cautelari in considerazione della risalenza
del tempus commissi delicti (agosto 2005). In effetti, zritmintir il richiedente era
sottoposto a detenzione da lungo tempo (2006), condizione sintomatica del
superamento della persistenza del presunto stato di pericolosità, in particolare
con riferimento ai rapporti con ambienti di criminalità organizzata.
Secondo il Tribunale, la presunzione di cui all’artt. 275, comma 3, cod. proc.
pen. doveva pertanto ritenersi vinta e, tenuto conto della mancanza di
precedenti penali aggravati ai sensi dell’art. 7 legge 203 del 1991, nulla
consentiva di esprimere un giudizio di attualità delle esigenze special preventive
né di fondare una valutazione di necessità attuale di un provvedimento
coercitivo.

2. Ricorre per cassazione il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale
di Napoli – DDA – deducendo violazione di legge e vizio di motivazione.
Il Tribunale del riesame, per valutare le esigenze cautelari, aveva fatto
riferimento alla regola generale prevista dall’art. 274, comma 1, lett. c) cod. proc.
pen. e non al disposto dell’art. 275, comma 3, cod. proc. pen..
Contrariamente all’assunto dell’ordinanza impugnata, la disciplina delle
esigenze cautelari con riferimento ai reati di cui all’art. 51, comma 3 bis, cod.
proc. pen. non è in alcun modo mutata: una presunzione relativa di esigenze
cautelari superabile solo quando risultino in positivo elementi, specifici e
concreti, da cui sia possibile desumere, in concreto, la insussistenza delle
esigenze cautelari.
Le esigenze di cui all’art. 275, comma 3, cod. proc. pen. altro non sono che
quelle descritte dall’art. 274 cod. proc. pen., con tutti i caratteri, quindi anche di
concretezza ed attualità, previsti dalla norma.

Il Tribunale del riesame aveva dato rilevanza al mero dato cronologico che,
peraltro, non è l’unico considerato dall’art. 274, lett. c) cod. proc. pen.; d’altro
canto, la Cassazione ha stabilito che, in presenza della presunzione di cui all’art.

Il Tribunale confermava la sussistenza della gravità indiziaria nei ZGrifronti,

275, comma 3,cod. proc. pen., il Giudice nell’ordinanza genetica non debba dare
motivazione in ordine alla rilevanza del tempo trascorso, a meno che la
significativa durata, unita ad altri fattori, possa dare dimostrazione
dell’inesistenza di esigenze cautelari.
Il G.I.P., nell’ordinanza genetica, aveva appunto effettuato tale valutazione;
il Tribunale del riesame, invece, non aveva tenuto conto della giurisprudenza che
esclude il venir meno di esigenze cautelari in conseguenza dello stato di

CONSIDERATO IN DIRITTO

Il ricorso è fondato.

Il percorso logico seguito dal Tribunale del riesame per annullare l’ordinanza
impugnata sotto il profilo dell’inesistenza delle esigenze cautelari si può così
riassumere: partendo dalla presunzione di cui all’art. 275, comma 3, cod. proc.
pen., il Tribunale ha ritenuto la stessa “vinta”, sia per il decorso del tempo dalla
data di commissione del reato di omicidio aggravato ex art. 7 legge 203 del
1991, sia per la lunga detenzione subita; in conseguenza del venir meno della
presunzione, il Tribunale ha ritenuto necessario ricercare elementi

positivi di

attualità delle esigenze cautelari e, non avendo avuto tale ricerca successo, ha
ritenuto di annullare l’ordinanza.
La lettera dell’art. 275, comma 3, cod. proc. pen. non permette affatto
questo procedimento: la legge stabilisce una presunzione di sussistenza delle
esigenze cautelari, sia pure relativa, che non prevede affatto possa venir meno,
così da onerare il giudice di argomentare positivamente sulla loro esistenza;
‘ piuttosto il giudice deve acquisire elementi dai quali risulti che non sussistono
esigenze cautelari (in questo caso non si pone la questione della possibilità di
soddisfarle con misure meno afflittive della custodia in carcere).

Come efficacemente nota il Pubblico Ministero ricorrente, la modifica dell’art.
274, comma 1, lett. c) cod. proc. pen. operata dalla legge 16 aprile 2015, n. 47,
con l’inserimento dell’aggettivo “attuale” in aggiunta a “concreto” per definire il
pericolo della commissione di gravi delitti da parte dell’indagato, non ha inciso
affatto sulla presunzione di cui all’art. 275, comma 3 cod. proc. pen.: in effetti,
così come in precedenza la legge presumeva che, in caso di gravi indizi di
determinati reati, sussistesse il concreto pericolo di consumazione di altri gravi
reati, dopo la modifica predetta la norma ora presume che, sussistendo i gravi
indizi, sussista il concreto ed attuale pericolo di altri gravi reati.

3

detenzione, ben potendo essa venire meno.

Né l’art. 292, comma 2, lett. c) cod. proc. pen., che impone al giudice che
applica la misura di tenere conto “anche del tempo trascorso dalla commissione
del reato” ai fini della valutazione delle esigenze cautelari, induce ad una
soluzione differente: questa Corte ha ripetutamente affermato che, qualora sia
stata applicata la misura della custodia in carcere per uno dei delitti indicati
nell’art. 275, comma terzo, cod. proc. pen., non è necessario che l’ordinanza
cautelare motivi anche in ordine alla rilevanza del tempo trascorso dalla
commissione del fatto, così come richiesto dall’art. 292, comma secondo, lett. c),
dello stesso codice, in quanto per tali reati vale la presunzione di adeguatezza di
cui al predetto art. 275, che impone di ritenere sussistenti le esigenze cautelari
salvo prova contraria (Sez. 3, n. 33037 del 15/07/2015 – dep. 28/07/2015, G e
altri, Rv. 264190; per reati di carattere mafioso: Sez. 1, n. 17624 del
17/12/2015 – dep. 28/04/2016, S, Rv. 266984).
Del resto, l’art. 275, comma 3, cod. proc. pen. continua ad operare anche
nella fase successiva della revoca o sostituzione delle misure, in forza
dell’espressa riserva contenuta nell’art. 299, comma 2 cod. proc. pen..

In definitiva, si deve ribadire che l’art. 274, comma primo, lett.

c), cod.

proc. pen., così come novellato dalla legge 16 aprile 2015, n. 47, per il quale è
necessaria la sussistenza di un pericolo di reiterazione del delitto non solo
concreto ma anche attuale, va riferito anche alle ipotesi di obbligatoria custodia
in carcere previste dall’art. 275, comma terzo, cod. proc. pen., rispetto alle
quali, quindi, la presunzione di esistenza di ragioni cautelari viene vanificata solo
qualora sia dimostrata l’inattualità di situazioni di pericolo cautelare (Sez. 6, n.
12669 del 02/03/2016 – dep. 25/03/2016, Mamone, Rv. 266784); usando altre
espressioni, la presunzione di sussistenza delle esigenze cautelari e di
adeguatezza della custodia cautelare in carcere, di cui all’art. 275, comma terzo,
cod. proc. pen., è prevalente, in quanto speciale, rispetto alla norma generale
stabilita dall’art. 274 cod. proc. pen.; ne consegue che se il titolo cautelare
riguarda i reati previsti dall’art. 275, comma terzo, cod. proc. pen. detta
presunzione fa ritenere sussistente, salvo prova contraria, i caratteri di attualità
e concretezza del pericolo (Sez. 3, n. 33051 del 08/03/2016 – dep. 28/07/2016,
Barra e altri, Rv. 268664).
L’interpretazione della norma fin qui adottata – conforme alla lettera della
legge e alla volontà del legislatore che, appunto, nel 2015 ha ritenuto di non
modificare, sotto questo profilo, l’art. 275, comma 3 cod. proc. pen. – non
contrasta affatto con una esegesi costituzionalmente orientata della normativa,
tenuto conto della “tenuta” costituzionale della norma che qui si applica.

e

Avendo il Tribunale abbandonato il criterio indicato dal legislatore, la
motivazione dell’ordinanza risulta astratta e del tutto sganciata dalle circostanze
concrete e dalla situazione dell’indagato: il Tribunale, infatti, non ha cercato, né
tanto meno acquisito, elementi che dimostrassero l’insussistenza delle esigenze
cautelari; cosicché – se la segnalazione sul punto del P.M. ricorrente è esatta non si è avveduto che Terracciano non era affatto detenuto ininterrottamente dal
2006, era libero al momento dell’esecuzione della misura cautelare ed aveva
commesso una rapina aggravata nel 2013: tutti elementi che non potevano non
essere valutati.

L’ordinanza impugnata deve, pertanto, essere annullata con rinvio al
Tribunale del riesame di Napoli che si atterrà ai criteri interpretativi sopra
esposti.

P.Q.M.

Annulla l’ordinanza impugnata e rinvia per nuovo esame al Tribunale di
Napoli in funzione di giudice del riesame.

Così deciso il 25 gennaio 2018

Il Consigliere estensore
lacomo Rocchi

Il Presidente
Angela Tardio

é

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA