Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 22160 del 17/01/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 22160 Anno 2018
Presidente: IZZO FAUSTO
Relatore: CAPPELLO GABRIELLA

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
CALDARAS GIORGIO nato il 22/12/1989 a PIOVE DI SACCO
LOVACOVIC MICHELE nato il 04/07/1995 a PIOVE DI SACCO
LOVACOVIC ROCHI nato il 23/10/1987 a CHIOGGIA
STEPPIC OMAR nato il 26/12/1988 a PIOVE DI SACCO

avverso la sentenza del 19/12/2016 della CORTE APPELLO di VENEZIA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere GABRIELLA CAPPELLO;

Data Udienza: 17/01/2018

OSSERVA

1.

Gli imputati CALDARAS Giorgio, STEPPIC Omar, LOVACOVIC Michele e

LOVACOVIC Rochi propongono ricorsi contro la sentenza in epigrafe, con la quale è
stata confermata la loro condanna alla pena di anni uno di reclusione ed euro 200,00 di
multa, per il delitto di furto aggravato in concorso, con la recidiva reiterata, specifica e

dueoltre a ricettazione.
2. I ricorsi sono inammissibili ai sensi dell’art. 606, comma 3, c.p.p., per assoluta
genericità del motivo dedotto riguardante la dosimetria della pena, non avendo i
ricorrenti svolto alcuna critica al ragionamento contenuto nella sentenza impugnata
(cfr., sul contenuto essenziale dell’atto d’impugnazione, in motivazione, Sez. 6 n. 8700
del 21/01/2013 Ud. (dep. 21/02/2013), Rv. 254584; Sez. U. n. 8825 del 27/10/2016
Cc. (dep. 22/02/2017), Galtelli, Rv. 268822, sui motivi d’appello, ma

i cui principi

possono applicarsi anche al ricorso per cassazione] e risultando lo stesso anche
manifestamente infondato, alla luce delle argomentazioni con cui la Corte territoriale ha
ritenuto congrua la sanzione individuata (tra cui i precedenti penali degli imputati,
l’entità della refurtiva, per oltre 7.500,00 euro, e la capacità organizzativa
delinquenziale dimostrata con le modalità della condotta), non riconoscendo agli
elementi di segno positivo (recupero del denaro, avvenuto solo a seguito dell’arresto;
età degli imputati) rilievo ai fini della attenuazione della pena.
3.

Segue, a norma dell’articolo 616 c.p.p., la condanna dei ricorrenti al

pagamento delle spese del procedimento e ciascuno anche a quello della somma di euro
2000,00 in favore della cassa delle ammende, non emergendo ragioni di esonero (cfr.
C. Cost. 186/2000).

P.Q.M.
dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese
processuali e ciascuno anche al versamento della somma di duemila euro alla cassa
delle ammende.
Così deciso in Roma il giorno 17 gennaio 2018

infra quinquennale per CALDARAS e STEPPIC, specifica e infra quinquennale per gli altri

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA