Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 21901 del 19/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 4 Num. 21901 Anno 2018
Presidente: FUMU GIACOMO
Relatore: SERRAO EUGENIA

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
HODOROVICH PATRIK nato il 19/05/1992 a SOAVE

avverso la sentenza del 30/01/2018 della CORTE DI CASSAZIONE di ROMA
sentita la relazione svolta dal Consigliere EUGENIA SERRAO;

Data Udienza: 19/04/2018

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1.

Con sentenza n.14549 in data 30/01/2018 la Corte di Cassazione,

Sezione Quarta penale, ha rigettato il ricorso proposto da Hodorovich Patrik
avverso la sentenza con cui la Corte d’Appello di Brescia aveva confermato la
pronuncia di condanna emessa dal Tribunale di Brescia in relazione al reato di
furto aggravato dalla violenza sulle cose e dalla esposizione alla pubblica fede.
2. Rilevata l’erronea comunicazione dell’avviso per l’udienza del 30/01/2018

percettivo non inserito nell’albo speciale dei difensori cassazionisti, la Corte ha
disposto procedersi d’ufficio alla correzione dell’errore di fatto.

3. L’avviso per l’udienza di discussione del ricorso ordinario del 30/01/2018
è stato fatto mediante trasmissione via fax allo studio del difensore Avv. Pietro
Asta, nominato d’ufficio, in quanto per errore percettivo incidente sul nome di
battesimo (Danilo anziché Danillo) del difensore di fiducia Avv. Danillo Taschin,
la Cancelleria non ha rinvenuto tale nominativo tra i difensori iscritti all’albo
speciale dei cassazionisti.

4. Ritiene, quindi, la Corte che, nel caso suddetto, ricorra l’inesistenza della
notificazione per errata individuazione del difensore, ciò che configura una nullità
assoluta, e che debba affermarsi l’errore percettivo in cui la Sezione della Corte è
incorsa nella lettura della regolarità dell’avviso al difensore d’ufficio per l’udienza
di discussione del ricorso ordinario del 30 gennaio 2018.

5.

La sentenza n.14549/2018 emessa in data 30/01/2018 dalla Quarta

Sezione Penale di questa Corte deve essere, quindi, revocata. All’esito del
giudizio rescindente il Collegio è tenuto all’adozione dei provvedimenti necessari
per correggere l’errore ora accertato, con trasmissione degli atti al Presidente
titolare per i provvedimenti di competenza.
P.Q.M.
Revoca la sentenza n.14549/2018 pronunciata da questa Sezione il 30
gennaio 2018 nei confronti di Hodorovich Patrik e dispone la trasmissione del

al difensore d’ufficio in vece che al difensore di fiducia, considerato per errore

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA