Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 21707 del 28/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 5 Num. 21707 Anno 2018
Presidente: VESSICHELLI MARIA
Relatore: SCARLINI ENRICO VITTORIO STANISLAO

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
ROZZI ANDREA nato il 17/12/1973 a MARIANO COMENSE
FERRARI STEFANO nato il 20/06/1972 a MILANO

avverso la sentenza del 07/07/2017 della CORTE DI CASSAZIONE di ROMA
sentita la relazione svolta dal Consigliere ENRICO VITTORIO SCARLINI;
sentite le conclusioni del PG MARIO MARIA STEFANO PINELLI che chiede
procedersi alla correzione.

Data Udienza: 28/02/2018

RITENUTO IN FATTO

Con sentenza del 7 luglio 2017, questa Corte di Cassazione, nel decidere sui
ricorsi promossi da Andrea Rozzi e Stefano Ferrari, annullava le statuizioni civili,
dichiarandoli inammissibili nel resto, utilizzando, però, nel dispositivo, la forma
singolare piuttosto che quella, corretta, plurale.

Si rende, pertanto, necessario correggere l’errore materiale sopra
individuato, così come indicato nel sottostante dispositivo.

P.Q.M.

Dispone correggersi il dispositivo annotato sul ruolo di udienza del 7 luglio
2017 e riportato in calce alla sentenza n. 1732/17 emessa nei confronti di Rozzi
Andrea e Ferrari Stefano nel senso che laddove è scritto “Dichiara inammissibile
il ricorso” deve intendersi “Dichiara inammissibili i ricorsi”.
Manda la cancelleria per le annotazioni di competenza.
Così deciso in Roma il 28 febbraio 2018.

CONSIDERATO IN DIRITTO

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA