Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 21194 del 04/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 21194 Anno 2018
Presidente: CIAMPI FRANCESCO MARIA
Relatore: PICARDI FRANCESCA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
MERLI LUCIANO nato il 07/09/1941 a RIMINI

avverso la sentenza del 07/07/2017 della CORTE APPELLO di BOLOGNA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere FRANCESCA PICARDI;

Data Udienza: 04/04/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Luciano Merli ricorre avverso la sentenza di cui in epigrafe che lo ha riconosciuto colpevole del
reato di cui all’art. 189, sesto comma, cod.strada.
A motivo del ricorso lamenta l’inosservanza ed erronea applicazione dell’art. 189 cod.strada e
la mancanza, contraddittorietà o manifesta illogicità della motivazione in ordine alla sussistenza
dell’elemento soggettivo ed alla mancata assunzione/valutazione di una prova decisiva.
Il ricorso è inammissibile.
Le doglianze prospettano elementi di fatto sottratti al sindacato di questa Corte di legittimità,

motivazione dei giudici di merito sia, come nel caso di specie, congrua, logica e priva di
contraddizioni.
La sentenza impugnata è, peraltro, conforme con l’orientamento consolidato della
giurisprudenza di legittimità secondo cui, in tema di circolazione stradale, risponde del reato
previsto dall’art. 189, comma 6, cod. strada, (c.d. reato di fuga), il soggetto che, coinvolto in un
sinistro con danni alle persone, effettui soltanto una sosta momentanea, senza fornire le proprie
generalità (da ultimo, Sez. 4, n. 42308 del 2017, rv. 270885).
Alla

inammissibilità

del

ricorso,

riconducibile

a

colpa

del

ricorrente

(Corte

Cost.sent.n.186/2000) consegue la condanna del ricorrente medesimo al pagamento delle spese
processuali e di una somma che congruamente si determina in 3000 euro, in favore della cassa
delle ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di C 3.000,00 in favore della cassa delle ammende.
Così deciso in Roma il 4 aprile 2018

Il Consigliere estensore
Francesca Picardi

Il Preside e
Francesco ar i Ciam

proponendo una diversa ricostruzione dei fatti che non è in questa sede consentita laddove la

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA