Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 21177 del 04/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 21177 Anno 2018
Presidente: CIAMPI FRANCESCO MARIA
Relatore: PICARDI FRANCESCA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
GIOVINAZZO ROCCO nato il 02/04/1943 a ROSARNO

avverso la sentenza del 30/11/2017 della CORTE APPELLO di REGGIO CALABRIA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere FRANCESCA PICARDI;

Data Udienza: 04/04/2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Rocco Giovinazzo ricorre avverso la sentenza di cui in epi g rafe che lo ha riconosciuto colpevole
dei reati di cui a g li artt.110 e 73, comma 4, del d.P.R. n. 309 del 1990 (capo A) e 110, 624, 625,
comma 1, n. 2-7, cod.pen. (capo B).
A motivo del ricorso lamenta la mancanza, contraddittorietà o manifesta illo g icità della
motivazione in relazione sia alla affermata responsabilità per il capo B sia al trattamento
sanzionatorio.

La prima do g lianza non enuncia le ra g ioni di diritto che la sorre gg ono e non si confronta con il
contenuto della sentenza impu g nata, prospettando altresì elementi di fatto sottratti al sindacato di
q uesta Corte di le g ittimità e limitandosi a riprodurre, in modo inammissibile, le censure dedotte in

appello (Sez. 6, n. 8700 del 21/01/2013 ud., dep. 21/02/2013, rv. 254584 ; v. anche Sez. 4, n.
38202 del 07/07/2016 ud., dep. 14/09/2016, rv. 267611 che precisa che i motivi di ricorso per
cassazione possono riprodurre totalmente o parzialmente q uelli di appello ma solo entro i limiti in
cui ciò serva a documentare il vizio enunciato e dedotto con autonoma, specifica ed esaustiva
arg omentazione che si riferisca al provvedimento impu g nato e si confronti con la sua motivazione).
La seconda do g lianza è manifestamente infondata, tenuto conto che, in tema di
determinazione della pena, nel caso in cui ven g a irro g ata una pena al di sotto della media edittale,
non è necessaria una specifica e detta g liata motivazione da parte del g iudice, se il parametro
valutativo è desumibile dal testo della sentenza nel suo complesso arg omentativo e non
necessariamente solo dalla parte destinata alla q uantificazione della pena (Sez. 3, n. 38251 del
2016, rv. 267949). Al contrario, il ricorrente censura in modo del tutto

g enerico la mancata

g iustificazione della determinazione di non attestarsi ai minimi edittali del reato.

Alla

inammissibilità

del

ricorso,

riconducibile

a

colpa

del

ricorrente

(Corte

Cost.sent.n.186/2000) conse g ue la condanna del ricorrente medesimo al pa g amento delle spese
processuali e di una somma che con g ruamente si determina in 3000 euro, in favore della cassa
delle ammende.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pa g amento delle spese processuali
e al versamento della somma di C 3.000,00 in favore della cassa delle ammende.
Così deciso in Roma il 4 aprile 2018

Il ricorso è inammissibile.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA