Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20928 del 09/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20928 Anno 2018
Presidente: CAVALLO ALDO
Relatore: SOCCI ANGELO MATTEO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
PAPIS SYLL nato il 17/06/1994

avverso la sentenza del 16/06/2017 del TRIBUNALE di TORINO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ANGELO MATTEO SOCCI;

Data Udienza: 09/03/2018

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con sentenza ex art. 444 cod. proc. pen. del 16 giugno 2017, il Tribunale di
Torino, concesse le circostanze attenuanti generiche e tenuto conto della diminuente
prevista per il rito, applicava a Syll Papis la pena concordata di mesi sei di reclusione
ed euro 800 di multa, relativamente ai reati di cui all’art. 73, commi 1 e 5, del D.P.R. n.

2. Ricorre per Cassazione, l’imputato, tramite difensore, con un unico motivo di
ricorso: mancanza, contraddittorietà e/o manifesta illogicità della motivazione,
relativamente alla valutazione sulla congruità della pena comminata ex art. 133 cod.
pen.
3. Il ricorso è inammissibile per manifesta infondatezza dei motivi, e per la sua
genericità.
Invero, in tema di patteggiamento, una volta che l’accordo tra le parti sia stato
ratificato dal giudice con la sentenza di applicazione della pena, non è consentito
censurare il provvedimento nei profili di determinazione quantitativa della sanzione, a
meno che non risulti applicata una pena illegale (Sez. 6, n. 38943 del 18/09/2003 dep. 14/10/2003, P.G. in proc. Conciatori, Rv. 22771801).
La sentenza impugnata, in ogni caso, appare adeguatamente motivata sul punto,
nonché immune da contraddizioni o illogicità manifeste, esplicitando i criteri che hanno
guidato il Tribunale nella determinazione della sanzione ed in particolare richiamando,
relativamente all’applicazione dell’art. 129 cod. proc. pen., i verbali di arresto e
sequestro.
Alla dichiarazione di inammissibilità consegue il pagamento in favore della Cassa
delle ammende della somma di C 3.000,00, e delle spese del procedimento, ex art 616
cod. proc. pen.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e della somma di C 3000,00 in favore della Cassa delle ammende.

Così deciso il 9/03/2018

309 del 1990. Fatto commesso in Torino il 15 giugno 2017.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA