Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20850 del 03/05/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 20850 Anno 2018
Presidente: DI STEFANO PIERLUIGI
Relatore: SCALIA LAURA

SENTENZA

t P. C- .
f

G tTe f`i p ),t

T-c cs-1

nel procedimento in epigrafe indicato a carico di
Ribeiro Da Silva Paula Dayana, nata in Brasile il 04/05/1984

avverso la sentenza del 16/10/2017 della Corte di appello di Trieste

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con ordinanza in data 8 febbraio 2018 questa Corte ha richiesto alla
Repubblica Federativa del Brasile, Stato Federato del Cearà, un supplemento
di informazioni, ai sensi dell’art. 12 del ‘Trattato fra la Repubblica italiana e
la Repubblica federativa del Brasile per l’assistenza giudiziaria in materia
penale’, fatto a Roma il 17 ottobre 1989, come ratificato in Italia con legge
23 aprile 1991, n. 144, sulla legislazione dello Stato richiedente, quanto
all’estradanda Rebeiro Da Silva Paula Dayana, e segnatamente «su natura e
contenuti, in ragione della vigente disc:plina processual-penalistica,
dell’istituto del mandato di carcerazione preventiva, la cui applicazione si è
disposta dal giudice federale del Tribunale di Cearà all’estradanda, Ribeiro
da Silva Paula Dayana, cittadina brasiliana, nata ad Aracoiaba, il 4 maggio

Data Udienza: 03/05/2018

1984, indagata per il reato di traffico internazionale di esseri umani p.p.
dall’art. 149 del codice penale brasiliano, precisandone finalità, durata,
eventuali presupposti di reiterabilità ed esiti processuali».
Il processo è stato rinviato a nuovo ruolo in attesa dell’adempimento.

2.

Nell’interesse di Ribeiro Da Silva Paula Dayana il difensore ha

depositato memoria e produzione documentale con cui l’autorità giudiziaria
brasiliana, Tribunale federale del Cearà, ha revocato l’ordine di carcerazione

3.

In allegato a comunicazione del Ministero della giustizia,

Dipartimento per gli affari di giustizia, depositata in data 28 marzo 2018
presso la cancelleria di questa Corte, è pervenuta nota dell’Ambasciata della
Repubblica federativa del Brasile del 26 marzo 2018, con cui si dà atto che
“non persiste l’interesse dello Stato brasiliano nell’estradizione” della
cittadina brasiliana Paula Dayana Ribeiro Da Silva, e tanto su richiesta della
competente autorità giudiziaria dello Stato del Cearà.

4.

Va pertanto dichiarata l’inammissibilità del ricorso proposto dal

Procuratore generale presso la Corte di appello di Trieste avverso la
sentenza della Corte di appello di Trieste che, in data 16 ottobre 2017,
aveva dichiarato non sussistenti le condizioni per l’accoglimento della
domanda di estradizione avanzata dalla Repubblica federativa del Brasile nei
confronti di Ribeiro Da Silva Paula Dayana, per sopravvenuta carenza di
interesse nella intervenuta rinuncia della estradizione.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso per sopravvenuta carenza di interesse.

Così deciso il 03/05/2018

Il Consigliere estensore
Laura Scalia

emesso nei confronti dell’estradanda.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA