Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20604 del 07/12/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20604 Anno 2018
Presidente: CAVALLO ALDO
Relatore: ROSI ELISABETTA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
PRELA ERLINDA nato il 10/10/1978

avverso la sentenza del 28/02/2017 del TRIBUNALE di MILANO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ELISABETTA ROSI;

Data Udienza: 07/12/2017

RITENUTO che con sentenza del 28 febbraio 2017, il Tribunale di Milano, in
composizione monocratica, ha applicato su concorde richiesta delle parti tra le
parti ex art. 444 c.p.p., a Prela Erlinda, concesse le circostanze attenuanti
generiche, la pena di anni uno di reclusione ed euro 2 mila di multa, per il reato
di cui all’art. 73 comma 5, D.P.R. n. 309 del 1990, per avere detenuto a fini di
spaccio, gr. 1, 5 di cocaina ed ulteriori gr. 4,5 nell’abitazione, dei quali cedeva
una dose di 0,5 gr. a Mercadalli Eurgenia, in Cassano d’Adda, il 22 gennaio
2017;

per cassazione, lamentando violazione di legge in riferimento agli artt. 129 e
444 c.p.p. e mancanza e manifesta illogicità di motivazione in ordine alla
sussistenza di eventuali clausole di non punibilità;
che con atto del 26 aprile 2017 la predetta ha rinunciato ai motivi di ricorso;

Considerato che avendo la ricorrente rinunciato al ricorso)rilevato che si è in
presenza di una causa di inammissibilità ex art. 591 c.p.p., comma 1, lett. d);
che deve comunque disporsi condanna al pagamento delle spese processuali e
della sanzione di cui all’art. 616 c.p.p., non risultaralcuna ragione successiva
alla proposizione del ricorso per la quale possa constatarsi il venire meno
dell’interesse alla pronuncia sul ricorso;

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro mille in favore della Cassa delle
ammende.

Così deciso in Roma, il 7 dicembre 2017

Il Eensigliere estensore

Il Presidente

che l’imputata ha proposto, per il tramite dei propri difensori di fiducia, ricorso

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA