Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 2052 del 29/11/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 2052 Anno 2013
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: GRAMENDOLA FRANCESCO PAOLO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
1) RUSSO ANTONIO N. IL 11/06/1965
avverso la sentenza n. 1456/2009 CORTE APPELLO di
CATANZARO, del 29/03/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. FRANCESCO PAOLO
GRAMENDOLA;

Data Udienza: 29/11/2012

Osserva in:
FATTO E DIRITTO
Russo Antonio ricorre per cassazione contro la sentenza indicata in
epigrafe, che ha confermato la condanna inflittagli dal giudice di
primo grado, che per i reatv di calunnia, per aver denunziato
falsamente lo smarrimento di assegni bancari, così simulando a carico
dei beneficiari, cui aveva consegnato i titoli tracce di reato, nonché

difetto di motivazione, travisamento del fatto in riferimento alla
valutazione della prova, alla qualificazione giuridica del fatto di cui
all’accusa di truffa, al trattamento sanzionatorio e alla mancata
declaratoria di prescrizione del reato.

Osserva il collegio che il ricorso è inammissibile, non solo perché
generico, siccome ripetitivo dei motivi di appello, già valutati in
sede di merito, ma anche perché fondato su argomenti in fatto, e
manifestamente infondati, avendo i giudici del gravame dato
adeguatamente conto con puntuale e adeguato apparato argomentativo
della decisività delle prove raccolte in ordine alla truffa, alla sua
corretta qualificazione giuridica e della sussistenza dell’ipotesi
criminosa contestata, enunciando analiticamente gli elementi e le
circostanze di fatto convergenti e rilevanti a tal fine, non mancando
di motivare adeguatamente sulla congruità della pena e sul diniego
delle attenuanti generiche, ed in tal modo correttamente interpretando
e applicando i principi, più volte espressi dalla giurisprudenza di
questa Corte, di guisa che la motivazione non appare sindacabile in
questa sede, soprattutto quando il ricorrente tende, come nel caso in
esame, a sollecitare un non consentito riesame del merito attraverso la
rilettura del materiale probatorio.
Quanto infine alla prescrizione, la censura è manifestamente infondata,
essendo essa maturata ai sensi dell’art.157 e segg. cpp. in epoca
successiva alla sentenza di secondo grado.

Alla declaratoria di inammissibilità segue la condanna del ricorrente
al pagamento delle spese processuali e al versamento alla cassa delle
2

di truffa in danno di uno di essi, e lamenta violazione di legge,

4

ammende della somma, ritenuta di giustizia ai sensi dell’art.616 cpp,
di E 1.000,00.

P.

Q.

M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e della somma di E 1.000,00 in favore della

Così in Roma 29/11/2012
Il

nsigliere est.

Il Piiiire+re—

cassa delle ammende.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA