Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20360 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20360 Anno 2018
Presidente: GALLO DOMENICO
Relatore: AIELLI LUCIA

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
CAPASSO IVAN nato il 03/11/1994 a LOVERE
CROCETTA GUIDO nato il 30/08/1968 a CUNEO
CROCETTA WILLIAM nato il 21/09/1993 a CUNEO

avverso la sentenza del 31/05/2017 della CORTE APPELLO di TORINO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere LUCIA AIELLI;

Data Udienza: 17/04/2018

In fatto e in diritto

Crocetta Guido, Crocetta William e Capasso Ivan ricorrono avverso la sentenza della Corte
d’appello di Torino del 31/5/2017 che in parziale riforma della sentenza del GUP del Tribunale
di Torino, aveva ridotto la pena a loro inflitta in ordine ai reati a loro ascritti , chiedendone
l’annullamento ex art. 606 lett. b) ed e) c.p.p., per violazione di legge e illogicità della

I ricorsi sono tutti inammissibili in quanto generici e manifestamente infondati .
In tema di determinazione della pena nel reato continuato, non sussiste obbligo di specifica
motivazione per ogni singolo aumento, essendo sufficiente indicare le ragioni a sostegno della
quantificazione della pena-base. (Sez. 2, 34662/2016, Rv. 267721; Sez. 2, 18944/217, Rv.
279361; Sez. 3, 44931/2016; Rv. 271787)
Alla dichiarazione di inammissibilità del ricorso segue la condanna dei ricorrenti che lo ha
proposto, al pagamento delle spese processuali e della somma di euro 3.000,00 ciascuno alla
Cassa della ammende .
P.Q.M.
Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali e
ciascuno al versamento della somma di euro 3.000,00 alla Cassa delle ammende.

Così deciso il 17/4/2018
Il Consigliere estensore
Lucia Aielli

Il Presidente
Do4enico Ga lo

motivazione avuto riguardo alla determinazione della pena in relazione alla continuazione.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA