Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20340 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20340 Anno 2018
Presidente: GALLO DOMENICO
Relatore: AIELLI LUCIA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
RUTIGLIANO NUNZIO nato il 25/12/1979 a NAPOLI

avverso la sentenza del 14/02/2017 della CORTE APPELLO di FIRENZE
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere LUCIA AIELLI;

Data Udienza: 17/04/2018

In fatto e in diritto

Rutigliano Nunzio ricorre avverso la sentenza della Corte d’appello di
Firenze del 14/2/2017 che in parziale riforma della sentenza del Tribunale di Pisa
del 13/12/2010, ritenuta la continuazione con i fatti giudicati con sentenza del
Tribunale di Terni del 9/5/20107, rideterminava la pena a lui inflitta in ordine a
più delitti di rapina aggravata , chiedendone l’annullamento ai sensi dell’art. 606,
comma 1 lett. c) cod. proc. pen.; deduce la violazione di legge per

esecuzione della rapina di cui al capo B) , il ruolo specifico dei correi e, quanto
alla rapina di cui al capo A), le modalità della minaccia e verso chi fu esercitata ;
lamenta altresì mancanza e contraddittorietà della motivazione ( art, 606 lett. e)
cod.proc. pen. ), avuto riguardo alla carenza di riscontri in relazione alla perizia
antropometrica, tali non potendo considerarsi il medesimo abbigliamento e le
medesime modalità operative, valorizzate dal giudice di secondo grado, che non
consentirebbero di identificare con certezza l’odierno ricorrente con l’autore delle
contestate

rapine.

Il ricorso è inammissibile per essere manifestamente infondati i motivi dedotti.
Va innanzi tutto rilevato che la dedotta violazione di legge processuale, di
cui al primo motivo di ricorso, non sussiste essendo stati indicati nel capo di
imputazione i tratti essenziali dei fatti di reato contestati, in modo da consentire
all’imputato di difendersi ( Sez. 5, 6335/2013, Rv. 258948).
Il secondo motivo di censura denunciato è parimenti manifestamente
infondato avendo il giudice d’appello fatto riferimento ai fini dell’identificazione
dell’odierno ricorrente quale corresponsabile delle rapine commesse in Pisa, ad
una pluralità di elementi probatori e cioè non solo al medesimo abbigliamento
indossato dai rapinatori in occasione delle diverse rapine e rinvenuto presso il
Rutigliano, ma anche al medesimo modus operandi, oltre che alla visione dei
fotogrammi estrapolati dai filmati delle telecamere che ripresero le rapine e agli
esiti della perizia antropometrica che ha accertato la compatibilità del fattezze
del Rutugliano con quelle del rapinatore .
All’inammissibilità del ricorso consegue la condanna del ricorrente al
pagamento delle spese processuali nonché al versamento, in favore della Cassa
delle ammende, di una somma che, considerati i profili di colpa emergenti dal
ricorso, si determina equitativamente in C 3.000,00.

P.Q.M.

indeterminatezza del capo di imputazione, non essendo specificate le modalità di

dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di tremila euro alla Cassa delle
ammende.

Roma, 17/4/2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA