Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20326 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20326 Anno 2018
Presidente: GALLO DOMENICO
Relatore: DE SANTIS ANNA MARIA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da
FAGLIA ANGELO n. a Chiari il 2/6/1955
avverso la sentenza resa in data 2/12/2016 dalla Corte d’Appello di Torino
– dato atto del rituale avviso alle parti;
– sentita la relazione del Consigliere Anna Maria De Santis
FATTO E DIRITTO
1.Con l’impugnata sentenza la Corte d’Appello di Torino, in parziale riforma della decisione del
Tribunale di Vercelli, dichiarava l’estinzione per maturata prescrizione del delitto di truffa
aggravata in danno di Cerrone Giovanni ascritta al ricorrente in concorso con altri,
confermando le statuizioni civili.
2.Ha proposto ricorso per Cassazione l’imputato a mezzo del difensore, deducendo il vizio della
motivazione circa l’elemento oggettivo del reato contestato, vertendosi in ipotesi di mero
illecito civilistico.

3. Il ricorso è inammissibile. Questa Corte ha precisato, con indirizzo che il collegio condivide,
che in presenza di una causa di estinzione del reato, non sono rilevabili in sede di legittimità
vizi di motivazione della sentenza impugnata in quanto il giudice del rinvio avrebbe comunque
l’obbligo di procedere immediatamente alla declaratoria della causa estintiva (Sez. U, n. 35490
del 28/05/2009, Tettamanti, Rv. 244275; Sez. 5, n. 588 del 04/10/2013, Zambonini, Rv.
1

ge3

Data Udienza: 17/04/2018

258670; Sez. 2, n. 2545 del 16/10/2014, Riotto, Rv. 262277, e da ultimo Sez. U, n. 28954
del 27/04/2017 , Iannelli, Rv. 269810 ).

4.Alla declaratoria d’inammissibilità consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della sanzione pecuniaria precisata in dispositivo, non ravvisandosi ragioni
d’esonero.
P.Q.M.

e al versamento della somma di tremila euro alla Cassa delle Ammende
Così deciso in Roma il 17 aprile 2018

Il Consigliere estensore

Il Presidente

Anna Maria De Santis

.., _

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA