Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20314 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20314 Anno 2018
Presidente: GALLO DOMENICO
Relatore: DE SANTIS ANNA MARIA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da
OLDRATI SERGIO n. a Endine Gaiano il 20/1/1957
avverso la sentenza resa in data 18/03/2016 dalla Corte d’Appello di Brescia
-dato atto del rituale avviso alle parti;
-sentita la relazione del Consigliere Anna Maria De Santis
FATTO E DIRITTO
1.Con l’impugnata sentenza la Corte d’Appello di Brescia, in parziale riforma della decisione del
Gup del Tribunale di Cremona, dichiarava l’estinzione per maturata prescrizione del delitto di
resistenza a P.U. contestato al capo B) della rubrica e rideterminava la pena in ordine ai
residui addebiti di concorso in rapina aggravata, ricettazione di un autoveicolo, di una pistola
con matricola abrasa e relativo porto illegale in anni 4, mesi 8 di reclusione ed euro 2.000,00
di multa.
2.Ha proposto ricorso per Cassazione l’imputato a mezzo del difensore, deducendo l’erronea
applicazione della legge penale in relazione alla mancata applicazione della prescrizione con
riferimento alle fattispecie di ricettazione, commesse nel 2003.
3. Il ricorso è tardivo in quanto proposto in data 4/5/2016 a fronte di sentenza il cui dispositivo
risulta letto alla presenza dell’imputato e del difensore all’udienza del 18 marzo precedente
con deposito della motivazione nel termine ordinario di giorni 15, venuti a scadenza il 2 Aprile
1

Data Udienza: 17/04/2018

2016. Pertanto il termine di gg 30 previsto dall’art. 585, comma 1 lett. b), cod.proc.pen.
imponeva il deposito dell’impugnazione entro il 2 maggio seguente. La doglianza formulata è,
comunque, manifestamente infondata, essendo stata contestata e ritenuta la recidiva
aggravata, da applicarsi -contrariamente all’assunto difensivo- sia in relazione al termine
minimo di prescrizione che a quello massimo a seguito di interruzione ex art. 161, comma 2,
cod.pen. (Sez. 4, n. 6152 del 19/12/2017 , Freda e altro, Rv. 272021).
4.Alla declaratoria d’inammissibilità consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle

d’esonero.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di tremila euro alla Cassa delle Ammende
Così deciso in Roma il 17 aprile 2018

spese processuali e della sanzione pecuniaria precisata in dispositivo, non ravvisandosi ragioni

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA