Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20300 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20300 Anno 2018
Presidente: GALLO DOMENICO
Relatore: DE SANTIS ANNA MARIA

ORDINANZA
sul ricorso proposto da
SEMILIA SILVESTRE n. a Palermo il 10/11/1965
avverso la sentenza resa dalla Corte d’Appello di Palermo in data 28/3/2017
-dato atto del rituale avviso alle parti;
-sentita la relazione del Consigliere Anna Maria De Santis

FATTO E DIRITTO
1.Con l’impugnata sentenza la Corte d’Appello di Palermo confermava la decisione del locale
Tribunale che aveva riconosciuto l’imputato colpevole del delitto di truffa in danno di Mina
Domenico e Caldarera Anna, condannandolo alla pena di anni uno, mesi tre di reclusione ed
euro 1.800,00 di multa.
2.Ha proposto ricorso per Cassazione l’imputato a mezzo del difensore, deducendo la
violazione di legge e il vizio di motivazione: a) in ordine al giudizio di responsabilità del Semilia
sia con riguardo all’identificazione del prevenuto come concorrente nell’addebito che alla
sussistenza della fattispecie; b) con riguardo alla dosimetria della pena, con particolare
riguardo alla sussistenza della recidiva e al diniego delle circostanze attenuanti generiche.
3.1 motivi proposti sono reiterativi delle doglianze già svolte in sede d’appello e motivatamente
disattese con un percorso argomentativo che non presta il fianco a rilievi per completezza e
congruenza logica. In particolare, la Corte territoriale ha adeguatamente motivato sia
1

GOA-

Data Udienza: 17/04/2018

l’ascrivibilità soggettiva dell’illecito al prevenuto sulla scorta dell’individuazione fotografica
operata dalle pp.00. che la ricorrenza degli artifizi e raggiri strumentali al conseguimento
dell’ingiusto profitto, concretizzatisi nella spendita di inveritiere qualifiche personali e
nell’offerta dei propri servizi per cercare la figlia dei querelanti allo scopo di lucrare un cospicuo
compenso, progressivamente lievitato. Analogamente i giudici d’appello hanno congruamente
giustificato la sussistenza della recidiva e il diniego delle attenuanti ex art. 62 bis cod.pen.,
richiamando in senso ostativo la gravità del fatto e l’intensità del dolo con giudizio che si
sottrae a censura in quanto coerente con gli esiti processuali ed espressione di ponderato

4.Alla declaratoria d’inammissibilità consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della sanzione pecuniaria precisata in dispositivo, non ravvisandosi ragioni
d’esonero.
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali
e al versamento della somma di tremila euro alla Cassa delle Ammende
Così deciso in Roma il 17 aprile 2018

Il Consigliere estensore
Anna Maria De Santis

Il Presidente

A

menico Gallo
6.>

-e—e-ea2

apprezzamento dei parametri di cui all’art. 133 cod.pen.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA