Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 20294 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 20294 Anno 2018
Presidente: GALLO DOMENICO
Relatore: RAGO GEPPINO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
SFIRRI GEREMINO ERIGO nato il 19/06/1965 a BERNA( SVIZZERA)

avverso la sentenza del 18/05/2017 della CORTE APPELLO di L’AQUILA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere GEPPINO RAGO;

Data Udienza: 17/04/2018

N. 35867-(

FATTO e DIRITTO

1.

Sfirri Geremino Erico, ha proposto ricorso per cassazione contro

l’ordinanza in epigrafe deducendo: a) la violazione dell’art. 628 cod. pen. per
avere la Corte qualificato il fatto come tentativo di rapina impropria invece che di
tentato furto; b) l’incertezza della prova in ordine alla violenza usata; c) la
violazione degli artt. 89/95 – 62 bis cod. pen. per non avere la Corte applicato le

2. Il ricorso è inammissibile posto che:
Ad A – B: la motivazione addotta dalla Corte Territoriale, alla stregua della
conforme ed incensurabile ricostruzione dei fatti effettuata da entrambi i giudici
di merito, deve ritenersi corretta in diritto essendo conforme alla consolidata
giurisprudenza di questa Corte;
Ad C: da un controllo dell’atto di appello è risultato che nessuna delle
suddette attenuanti fu richiesta con uno specifico motivo:di conseguenza la Corte
non aveva alcun obbligo di motivazione sul punto, tant’è che lo stesso ricorrente
non ha dedotto il vizio di omessa motivazione.

3. Alla relativa declaratoria consegue, per il disposto dell’art. 616 c.p.p., la
condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali, nonché al
versamento in favore della Cassa delle Ammende di una somma che, ritenuti e
valutati i profili di colpa emergenti dal ricorso, si determina equitativamente in C
3.000,00.
P.Q.M.
DICHIARA
inammissibile il ricorso e
CONDANNA
il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro tremila
a favore della Cassa delle Ammende.
Così deciso il 17/04/2018
Il Consigliere estensore
Geppino Rago/, /.
i

L.’

Il Presidente
130e menico Gallo

o

suddette attenuanti e, quindi, diminuito la pena.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA