Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 201 del 12/10/2016


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 2 Num. 201 Anno 2017
Presidente: FIANDANESE FRANCO
Relatore: VERGA GIOVANNA

SENTENZA

sul i ;corso p
SANGIORGIO FR A NC„ ESCO
avv:..-.1-so la
2.3/032)16

IL 17/08/1982

2. 2015 (J1P TRII3UNALt–2: di l’ORINO..

sentita la relaijorie Eita 1A1 Consigliere Dott. GIOVANNA VE-3 –« ;A;
letteistm+ite ;e cone: ,;.isorn
PG Dott.
–e 2 1,

Uditi difensor Avv.;

Data Udienza: 12/10/2016

MOTIVI DELLA DECISIONE

Ricorre per Cassazione SANGIORGIO Francesco avverso la sentenza del Tribunale di
Torino, emessa ai sensi dell’art. 444 c.p.p. che gli ha applicato la pena di anni 1 e mesi 6
di recl. ed C 300,00 di multa per concorso in rapina aggravata e detenzione di un coltello,
deducendo insufficiente motivazione in ordine al trattamento sanzionatorio.

Nel ricorso per cassazione avverso sentenza che applichi la pena nella

misura

patteggiata tra le parti non e’ ammissibile proporre motivi concernenti la misura della
pena, a meno che si versi in ipotesi di pena illegale. La richiesta di applicazione della
pena e l’adesione alla pena proposta dall’altra parte integrano, infatti, un negozio di
natura processuale che, una volta perfezionato con la ratifica del giudice che ne ha
accertato la correttezza, non e’ revocabile unilateralmente, sicché la parte che vi ha dato
origine, o vi ha aderito, così rinunciando a far valere le proprie difese ed eccezioni, non
e’ legittimata, in sede di ricorso per cassazione, a sostenere tesi concernenti la
congruità della pena, in contrasto con l’impostazione dell’accordo al quale le parti
processuali sono addivenute” (Cass. N. 18735 del 2001 Rv. 219852, N. 38943 del
2003 Rv. 227718; n. 10286 del 2013 Rv. 254980).
Il ricorso è pertanto inammissibile e il ricorrente deve essere condannato al pagamento
delle spese processuali e al versamento della somma di C 2000,00 da versare alla Cassa
delle Ammende.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese
processuali e al versamento della somma di euro 2.000,00 alla Cassa delle Ammende.
Così deliberato in Roma il 12.10.2016
Il Consigliere estensore
Giovanna VERGA

Il Presidente
Franco FIA ,DANESE

Il ricorso è manifestamente infondato.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA