Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19939 del 11/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 19939 Anno 2018
Presidente: PALLA STEFANO
Relatore: SCARLINI ENRICO VITTORIO STANISLAO

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
NASSI GIUSEPPE nato il 13/02/1967 a TAORMINA
SAVOCA SALVATORE nato il 06/12/1976 a CATANIA

avverso la sentenza del 13/05/2016 della CORTE APPELLO di MESSINA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ENRICO VITTORIO STANISLAO
SCARLINI;

Data Udienza: 11/04/2018

RITENUTO IN FATTO

1 – La Corte di appello di Messina, con la sentenza impugnata, confermava
la sentenza del locale Tribunale che aveva ritenuto Giuseppe Nassi e Salvatore
Savoca colpevoli del delitto di furto aggravato loro ascritto, irrogando a ciascuno
la pena indicata in dispositivo.
2 – Propongono distinti ricorsi i due imputati, con il medesimo difensore,
articolando, ciascuno, tre motivi sorretti da analoghe argomentazioni:

relazione alla ritenuta colpevolezza per il delitto di furto, posto che la presunta
refurtiva era res nullius, perché abbandonata dall’avente diritto;
– con il secondo, lamentano l’insussistenza del delitto contestato in quanto i
beni prelevati dagli imputati non appartenevano più alla ditta Durante ma al
Comune di Taormina, che aveva espressamente autorizzato gli imputati a
raccogliere il ferro nel lambito del suo territorio;
– con il terzo, deducono il vizio di motivazione in relazione al diniego delle
circostanze attenuanti generiche.

CONSIDERATO IN DIRITTO

I ricorsi sono inammissibili.
1 – Il primo ed il secondo motivo sono interamente versati in fatto e non
tengono conto che esula dai poteri della Corte di cassazione quello di una
“rilettura” degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, la cui
valutazione è, in via esclusiva, riservata al giudice di merito, senza che possa
integrare il vizio di legittimità la mera prospettazione di una diversa, e per il
ricorrente più adeguata, valutazione delle risultanze processuali (per tutte: Sez.
Un., 30/4-2/7/1997, n. 6402, Dessimone, riv. 207944; tra le più recenti: Sez. 4,
n. 4842 del 02/12/2003 – 06/02/2004, Elia, Rv. 229369).
La Corte territoriale aveva già adeguatamente affrontato il tema del preteso
abbandono del ferro sottratto, negando che ciò fosse avvenuto, essendo questo
rimasto a disposizione della ditta proprietaria per ulteriori lavorazioni (tanto che i
suoi rappresentanti ne avevano immediatamente denunciata la sottrazione).
2 – Il terzo motivo è inammissibile perché la mancata concessione delle
circostanze ‘attenuanti generiche è giustificata da motivazione esente da
manifesta illogicità (i precedenti penali specifici dei due imputati), che, pertanto,
è insindacabile in cassazione (Cass., Sez. 6, n. 42688 del 24/9/2008, Rv.
242419), anche considerato il principio affermato da questa Corte secondo cui
non è necessario che il giudice di merito, nel motivare il diniego della
1

– con il primo, deducono la violazione di legge ed il vizio di motivazione in

concessione delle attenuanti generiche, prenda in considerazione tutti gli
elementi favorevoli o sfavorevoli dedotti dalle parti o rilevabili dagli atti, ma è
sufficiente che egli faccia riferimento a quelli ritenuti decisivi o comunque
rilevanti, rimanendo disattesi o superati tutti gli altri da tale valutazione (Sez. 2,
n. 3609 del 18/1/2011, Sermone, Rv. 249163; Sez. 6, n. 34364 del 16/6/2010,
Giovane, Rv. 248244).
3 – All’inammissibilità dei ricorsi segue la condanna di ciascun ricorrente al
pagamento delle spese processuali e, versando i medesimi in colpa, anche della

P.Q.M.

Dichiara inammissibili i ricorsi e condanna ciascun ricorrente al pagamento
delle spese del procedimento e della somma di euro 2.000 a favore della Cassa
delle ammende.
Così deciso, in Roma l’11 aprile 2018.
Il Consigliere estensore

Enrico Vittorio tanislao Scarlini

Il Presidente
e.43t
Stefv Fl

JO t

ct.,

somma di euro 2.000 a favore della Cassa delle ammende.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA