Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19888 del 24/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 19888 Anno 2018
Presidente: MOGINI STEFANO
Relatore: DI STEFANO PIERLUIGI

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PALERMO
Nel procedimento a carico di:
SALPIETRO VINCENZO nato il 15/03/1943 a TRABIA
CHIARAMONTE FRANCESCA nato il 11/03/1944 a TRABIA
PENNA ANTONINO nato il 21/05/1985 a SINOPOLI
MANZO VITO nato il 31/05/1944 a CAMPOBELLO DI MAZARA
LEVA FRANCESCO nato il 01/06/1976 a REGGIO CALABRIA
MURANIA FRANCESCO (DECEDUTO) nato il 05/04/1960 a CASTELVETRANO
ALVARO NICOLA nato il 02/03/1946 a SINOPOLI
MOLLICA DOMENICO ANTONIO nato il 12/01/1958 a BOVA MARINA
avverso l’ordinanza del 23/03/2017 del GIP TRIBUNALE di PALERMO
sentita la relazione svolta dal Consigliere PIERLUIGI DI STEFANO;
lette le conclusioni del PG SIMONE PERELLI che ha chiesto dichiararsi il ricorso
inammissibile
MOTIVI DELLA DECISIONE
La Corte,
letto il ricorso con il quale il pubblico ministero impugna l’ordinanza del 23
marzo 2017 del giudice per le indagini preliminari del tribunale di Palermo che
ha disposto la formulazione della imputazione a carico degli indagati in epigrafe;
rilevato che l’impugnante deduce la abnormità del provvedimento in quanto
emesso senza fissazione di udienza camerale e, quindi, con lesione del diritto di
difesa degli indagati;
letta la memoria presentata nell’interesse di Manzo Vito;

Data Udienza: 24/04/2018

rilevato che è dedotta esclusivamente la violazione dei diritti di difesa degli
indagati;
ritenuto che non ricorra un caso di abnormità non essendovi né una stasi del
procedimento né si tratta di provvedimento avulso dal sistema giuridico;
ritenuto, quindi, che il ricorso sia inammissibile.
PQM
Dichiara inammissibile il ricorso.
eciso nella camera di consiglio del 24 aprile 2018

efano

il Presidente
Stefano Mogini

e estensore

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA