Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19835 del 18/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 19835 Anno 2018
Presidente: DI TOMASSI MARIASTEFANIA
Relatore: CAIRO ANTONIO

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
BENEDUCE ROSARIO nato il 05/12/1982 a POZZUOLI

avverso l’ordinanza del 08/11/2017 del TRIB. SORVEGLIANZA di POTENZA
sentita la relazione svolta dal Consigliere ANTONIO CAIRO;
IletteTsentite le conclusioni del PG -ELISABETTA CENICCOLAk

Data Udienza: 18/04/2018

RITENUTO IN FATTO E IN DIRITTO
1. Il Tribunale di sorveglianza per il distretto della Corte d’appello di Potenza, con ordinanza in
data 8/11/2017 rigettava il reclamo proposto da Beneduce Rosario avverso il provvedimento
emesso dal magistrato di sorveglianza il 15/6/2017 con cui era stata respinta la richiesta di
liberazione anticipata relativamente al periodo compreso tra il 24/6/2010 e il 24/6/2011.
Richiamava la permanenza del reato di associazione per delinquere di stampo mafioso, le
informazioni della DDA competente, sui collegamenti del medesimo Beneduce con la

2. Ricorre per cassazione Beneduce Rosario e deduce la violazione di legge e il vizio di
motivazione assumendo l’erroneità delle conclusioni cui era pervenuto il Giudice

a quo,

conclusioni che erano frutto non di una valorizzazione complessiva del quadro istruttorio a
disposizione, ma delle sole informazioni negative offerte dagli inquirenti.
3. Il ricorso in esame è stato proposto personalmente dall’interessato (27/11/2017).
Sia il provvedimento impugnato sia il ricorso sono, tuttavia, successivi al 4 agosto 2017, data
dell’entrata in vigore della legge n. 103 del 2017, con cui si è esclusa la facoltà dell’imputato (e
quindi anche del condannato) di proporre personalmente ricorso per cassazione, prevedendosi
che esso deve essere in ogni caso sottoscritto, a pena d’inammissibilità, da difensori iscritti
nell’albo speciale della Corte di cassazione (artt. 571, comma 1, e 613, comma 1, cod. proc.
pen.; Sez. U, n. 8914, del 21/12/2017, (dep. 23/02/2018) Aiello, Rv. 272011).
Il ricorso deve pertanto essere dichiarato inammissibile,

de plano, a norma dell’art. 610,

comma 5-bis, cod. proc. pen., introdotto dalla medesima legge n. 103 del 2017.
Segue all’inammissibilità la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.
La circostanza che la causa d’inammissibilità sia frutto di una modifica normativa di poco
precedente la proposizione del ricorso, in relazione alla quale è stato altresì provocato
l’intervento delle Sezioni Unite, consente di escludere profili di colpa che giustifichino la
condanna al pagamento della sanzione in favore della cassa delle ammende (Corte cost. n. 186
del 2000).
P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.
Così deciso in Roma il 18 aprile 2018

criminalità organizzata oltre ad alcune infrazioni disciplinari.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA