Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 1955 del 29/11/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 1955 Anno 2013
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: GARRIBBA TITO

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
1) BUSI MARINO N. IL 02/02/1951
avverso la sentenza n. 4896/2009 CORTE APPELLO di BOLOGNA,
del 04/11/2011
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. TITO GARRIBBA;

Data Udienza: 29/11/2012

MOTIVI DELLA DECISIONE

§1.

BUSI Marino ricorre contro la sentenza specificata in epigrafe, che

confermava la condanna per il reato previsto dall’art. 378 cod.pen., e denuncia mancanza e contraddittorietà della motivazione in ordine all’elemento psicologico del reato,
assumendo che il giudice a qua, pur riconoscendo ch’egli aveva rifiutato di rispondere
alle domande degli inquirenti per il timore di subire ritorsioni da parte degli imputati,

§2.

Il ricorso è manifestamente infondato, perché la doglianza formu-

lata poggia sulla confusione di due concetti che devono invece essere tenuti distinti: il
dolo e il movente. Il primo indica coscienza e volontà del fatto tipico costitutivo del
reato, il secondo colora il dolo, disvelando il motivo che ha spinto il reo a commettere
il reato.
Nella fattispecie la circostanza che l’imputato, spinto dalla paura di ritorsioni, abbia rifiutato di identificare i suoi aggressori favorendone l’impunità, non esclude
affatto che abbia volontariamente e coscientemente tenuto la condotta incriminata.
Il ricorso deve dunque essere dichiarato inammissibile ai sensi dell’art. 606,
comma 3, cod.proc.pen. Ne consegue la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma, ritenuta congrua, di euro mille alla Cassa delle ammende.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e al versamento della somma di euro mille alla Cassa delle ammende.
Così deciso il 29 novembre 2012.

abbia contraddittoriamente ritenuto la sussistenza del dolo.

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA