Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19476 del 16/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 1 Num. 19476 Anno 2018
Presidente: SARNO GIULIO
Relatore: CENTOFANTI FRANCESCO

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
SAPONE FRANCESCO nato il 26/02/1965 a MONTEBELLO IONICO

avverso la sentenza del 10/01/2018 del GIP TRIBUNALE di REGGIO CALABRIA
sentita la relazione svolta dal Consigliere FRANCESCO CENTOFANTI;

Data Udienza: 16/03/2018

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

Il ricorso in esame è stato proposto personalmente dall’interessato (la cui
firma in calce risulta autenticata da avvocato non iscritto all’albo speciale per il
patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori).
Sia il provvedimento impugnato sia il ricorso sono però successivi al 3
agosto 2017, data dell’entrata in vigore della legge n. 103 del 2017, con cui si è
esclusa la facoltà dell’imputato di proporre personalmente ricorso per cassazione,

d’inammissibilità, da difensori iscritti nell’albo speciale della Corte di cassazione
(artt. 571, comma 1, e 613, comma 1, cod. proc. pen.; Sez. U, n. 8914 del
21/12/2017, dep. 2018, Aiello, Rv. 272010).
Inoltre il ricorso si dirige avverso una sentenza di applicazione della pena, a
norma dell’art. 444 cod. proc. pen., e – pur essendo la richiesta di accesso al rito
posteriore, essa stessa, al 3 agosto 2017 – risulta proposto per motivi diversi da
quelli che attengono all’espressione della volontà dell’imputato, at difetto di
correlazione tra la richiesta e la sentenza, all’erronea qualificazione giuridica del
fatto e all’illegalità della pena o della misura di sicurezza, che sono gli unici
motivi ammessi a norma dell’art. 448, comma 2-bis, cod. proc. pen., aggiunto
dall’anzidetta legge n. 103 del 2017.
Il ricorso deve pertanto essere dichiarato inammissibile, de plano, a norma
dell’art. 610, comma 5-bis, cod. proc. pen., introdotto dalla medesima legge n.
103 del 2017.
Segue all’inammissibilità la condanna del ricorrente al pagamento delle
spese processuali e – per i profili di colpa connessi all’irritualità
dell’impugnazione (Corte cost. n. 186 del 2000) – di una somma in favore della
casa delle ammende che si stima equo determinare, in rapporto alle questioni
dedotte, in euro duemila.

P.Q.M.
Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle
spese processuali e della somma di euro duemila in favore della cassa delle
ammende.
Così deciso il 16/03/2018

prevedendosi che esso deve essere in ogni caso sottoscritto, a pena

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA