Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19311 del 13/03/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 19311 Anno 2018
Presidente: MOGINI STEFANO
Relatore: BASSI ALESSANDRA

ORDINANZA
sui ricorsi proposti da:
ARGENTO ALFREDO nato il 02/11/1981 a LAMEZIA TERME
ARGENTO FRANCESCO nato il 19/03/1987 a LAMEZIA TERME
SALADINO MARCO nato il 13/03/1981 a SOVERIA MANNELLI

avverso la sentenza del 20/04/2017 della CORTE APPELLO di CATANZARO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ALESSANDRA BASSI;

Data Udienza: 13/03/2018

1. Alfredo Argento, Francesco Argento e Marco Saladino ricorrono avverso il provvedimento in
epigrafe, con il quale la Corte d’appello di Catanzaro ha confermato l’appellata sentenza del
Tribunale di Lamezia Terme, con cui i ricorrenti sono stati condannati alla pena di legge per i
reati di lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale. Essi deducono, con il primo motivo, la
violazione di legge ed il difetto di motivazione in ordine alla ritenuta integrazione dei reati sotto
il profilo oggettivo e soggettivo; con il secondo motivo, la violazione di legge ed il difetto di
motivazione in ordine alla denegata applicazione delle circostanze attenuanti generiche
prevalenti sulle contestate aggravanti; con il terzo motivo, la violazione di legge ed il difetto di
motivazione in ordine alla esclusione della causa di non punibilità ex art. 131-bis cod. pen.
2. I ricorsi sono inammissibili.
3. I ricorrenti ripropongono i medesimi argomenti già dedotti in appello e non si confrontano
con le puntuali risposte fornite dalla Corte territoriale, il che costituisce di per sè causa
d’inammissibilità del ricorso (Sez. 6, n. 20377 del 11/03/2009, Arnone e altri, Rv. 243838).
4. D’altra parte, la Corte territoriale ha bene argomentato, con considerazioni aderenti alle
emergenze dell’incartamento processuale, lineari e conformi a logica – pertanto incensurabili
nella sede di legittimità -, le ragioni per le quali: a) ha ritenuto integrate le lesioni personali,
essendo le contusioni e le escoriazioni riconducibili – per giurisprudenza costante – all’art. 582
cod. pen. (v. pagina 2 della sentenza impugnata); b) ha ravvisato la sussistenza
dell’aggravante del nesso teleologico, certamente compatibile con le incriminazioni ascritte agli
imputati in presenza dell’accertata volontà, al momento della consumazione del reato-mezzo,
di commettere il reato-scopo (Sez. 6, n. 48552 del 18/11/2009, Ponci, Rv. 245342); c) ha
confermato la condanna per il reato di resistenza, trattandosi, nella specie, di una condotta
autonoma rispetto alle lesioni personali (v. pagina 3 della sentenza); d) ha stimato corretta la
pena applicata, con il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche e l’applicazione di
una pena base vicina al minimo edittale, non essendo del resto sindacabili in questa Sede né il
trattamento sanzionatorio che non risulti frutto di mero arbitrio o di ragionamento illogico e sia
sorretto da sufficiente motivazione (Sez. 5, n. 5582 del 30/09/2013, Ferrario Rv. 259142), né
il diniego delle circostanze attenuanti generiche, là dove – come nel caso in oggetto – sia stato
solidamente ancorato a ben evidenziati elementi di segno negativo (Sez. 3, n. 19639 del
27/01/2012, Gallo e altri, Rv. 252900); e) ha, infine, ritenuto insussistenti i presupposti
dell’invocata causa di non punibilità per l’assoluta gravità dei fatti, la tracotanza e la
pericolosità della condotta.
5. Dalla declaratoria di inammissibilità del ricorso consegue, a norma dell’art. 616 c.p.p., la
condanna del ricorrente, oltre che al pagamento delle spese del procedimento, anche a versare
una somma, che si ritiene congruo determinare in 3.000,00 euro.
P.Q.M.
dichiara inammissibili i ricorsi e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali e
ciascuno al versamento della somma di euro 3.000 in favore della cassa delle ammende.

Così deciso il 13 marzo 2018

MOTIVI DELLA DECISIONE

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA