Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19236 del 07/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 7 Num. 19236 Anno 2018
Presidente: BRUNO PAOLO ANTONIO
Relatore: GUARDIANO ALFREDO

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
AVANZINI ALESSANDRO nato il 27/06/1967 a MONTELIBRETTI

avverso la sentenza del 15/02/2016 della CORTE APPELLO di ROMA
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ALFREDO GUARDIANO;

Data Udienza: 07/02/2018

FATTO E DIRITTO

1. Con la sentenza di cui in epigrafe la corte di appello di Roma
riformava solo parzialmente in favore del reo la sentenza con cui il
tribunale di Rieti, in data 13.1.2011, aveva condannato Avanzini

ascrittogli.
2. Avverso tale sentenza, di cui chiede l’annullamento, ha proposto
ricorso per cassazione il difensore dell’Avanzini, lamentando violazione di
legge e vizio di motivazione, essendo intervenuta una causa di
estinzione del reato, rappresentata dalla morte dell’imputato, che, pur
essendo stata eccepita innanzi al giudice di appello, non era stata
rilevata.
3. Il ricorso è fondato.
Va, infatti, rilevato che l’Avanzini risulta deceduto il 23.9.2013, come si
evince dal relativo certificato di morte, in atti allegato, rilasciato
dall’ufficiale dello stato civile del comune di Rieti in data 24.9.2013.
Si è verificata, pertanto, una causa estintiva del reato ascritto al
ricorrente, ex art. 150, c.p., rilevabile in ogni stato e grado del giudizio
(cfr. Cass., sez. IV, 26.6.2008, n. 36524, rv. 242114), che impone
l’annullamento senza rinvio della sentenza impugnata.
P.Q.M.
Annulla senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto
per morte dell’imputato.

Alessandro alla pena ritenuta di giustizia, in relazione al reato in rubrica

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA