Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19225 del 13/07/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 19225 Anno 2018
Presidente: SAVANI PIERO
Relatore: GENTILI ANDREA

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
PROCURATORE GENERALE PRESSO CORTE D’APPELLO DI PALERMO
nel procedimento a carico di:
PARRINELLO PIETRO nato il 11/08/1948 a PALERMO
VERNENGO FRANCESCA nato il 21/03/1953 a PALERMO

avverso la sentenza del 05/10/2016 del TRIBUNALE di PALERMO
dato avviso alle parti;
sentita la relazione svolta dal Consigliere ANDREA GENTILI;

Data Udienza: 13/07/2017

Ritenuto

che il Tribunale di Palermo con sentenza del 5 ottobre 2016, ha

dichiarato non doversi procedere nei confronti di Parrinello Pietro e di
Vernengo Francesca per essere le violazioni edilizie loro ascritte estinte per
intervenuta prescrizione;
che avverso detta sentenza ha proposto ricorso per cassazione il Procuratore
Generale presso la locale Corte di appello, lamentando l’erronea applicazione

l’ordine di demolizione delle opere abusivamente realizzate.
Considerato che, secondo la costante giurisprudenza di questa Corte, alla
luce del tenore testuale dell’art. 31 del dPR n. 380 del 2001, l’ordine di
demolizione richiede comunque la pronuncia di una sentenza di condanna (o
ad essa equiparata), non risultando a ciò sufficiente l’avvenuto accertamento
della commissione dell’abuso, come nel caso di sentenza di estinzione per
prescrizione (da ultimo, per tutte: Corte di cassazione, Sezione III penale, 27
ottobre 2015, n. 50441);
che il ricorso, conseguentemente, deve essere dichiarato inammissibile.
PER QUESTI MOTIVI
Dichiara inammissibile il ricorso.
(

Così deciso in Roma, il 13 luglio 2017
Il Consigli re estensore

il Preside te

della legge penale per non avere il giudice del merito disposto comunque

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA