Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 19129 del 17/04/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Sent. Sez. 6 Num. 19129 Anno 2018
Presidente: MOGINI STEFANO
Relatore: SCALIA LAURA

SENTENZA
sul ricorso proposto da:
MAGGIO ROBERTO nato il 22/10/1976 a SANT’ANTIMO

avverso la sentenza del 12/09/2017 della CORTE APPELLO di NAPOLI
sentita la relazione svolta dal Consigliere LAURA SCALIA;

hettaisenttte fe-eo-n46psioni

A

Data Udienza: 17/04/2018

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

1. Con atto depositato il 25 ottobre 2010, l’imputato, Maggio Roberto,
ha proposto personale ricorso in cassazione per l’annullamento della
sentenza della Corte di appello di Napoli in epigrafe indicata, che aveva
confermato quella di primo grado di condanna del prevenuto alla pena di
giustizia, per i reati di cui agli artt. 75, commi 1 e 2, 73 digs. n. 159/2011 e
4, comma 2, legge n. 110 del 1975, perché egli, soggetto all’obbligo della

un’autovettura privo della relativa patente, con la recidiva reiterata, ed
aveva portato con sé, senza giustificato motivo e fuori dalla propria
abitazione, una mazza da baseball.

2. Il ricorso è inammissibile per l’art. 613 cod. proc. pen., come
modificato dall’art. 1, comma 55, legge n. 103 del 2017, poiché proposto
personalmente dall’imputato dopo l’entrata in vigore dell’indicata novella a
legge 23 giugno 2017 n. 103, risultando anche la sentenza impugnata
pronunciata in data successiva all’entrata in vigore della indicata novella.

3. Va, pertanto, dichiarata ai sensi dell’art. 610, comma 5-bis, secondo
periodo, cod. proc. pen. l’inammissibilità del ricorso, con conseguente
condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali e, per i profili
di colpa correlati alla irritualità dell’impugnazione, di una somma in favore
della cassa delle ammende nella misura che, in ragione delle qLestioni
dedotte, si stima equo determinare in euro quattromila.

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento
delle spese processuali e della somma di euro quattromila in favore della
cassa delle ammende.

Così deciso il 17/04/2018

sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, si era posto alla guida di

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA