Sentenza Sentenza Cassazione Penale n. 1894 del 29/11/2012


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Penale Ord. Sez. 7 Num. 1894 Anno 2013
Presidente: AGRO’ ANTONIO
Relatore: DI SALVO EMANUELE

ORDINANZA

sul ricorso proposto da:
1) LORETTA GIOVANNI N. IL 31/10/1972
avverso la sentenza n. 1968/2011 CORTE APPELLO di PALERMO,
del 26/03/2012
dato avviso alle parti;
sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. EMANUELE DI
SALVO;

Data Udienza: 29/11/2012

OSSERVA
Loretta Giovanni ricorre per cassazione avverso la sentenza emessa dalla Corte
d’appello di Palermo in data 26-3-12 , che ha confermato la pronuncia di primo
grado, con la quale l’imputato è stato condannato per il reato di cui all’art 334 cp
, accertato in Mazara Del Vallo il 23-2-2008.

siano state accolte le richieste formulate nei motivi di appello e che, in particolare,
non siano state concesse le circostanze attenuanti generiche nonostante l’esistenza
di un solo precedente penale, con condanna a pena pecuniaria.
Per quanto attiene alla prima doglianza , occorre osservare come l’a rt 581 lett c) cpp
richieda l’indicazione specifica delle ragioni di diritto e degli elementi di fatto che
sorreggono il petitum. Tale requisito difetta nel caso di specie onde il ricorso deve
essere dichiarato inammissibile per assoluta mancanza di specificità dei motivi
addotti a sostegno. Il ricorrente, invero, si limita ad invocare l’annullamento della
sentenza impugnata, senza indicare in alcun modo le ragioni ostative alla
declaratoria di responsabilità e senza in alcun modo criticare, se non sulla base di
affermazioni apodittiche, le ragioni poste a fondamento della decisione .
L’inosservanza del disposto dell’art 581 lett c) cpp , sotto il profilo della genericità
dei motivi addotti, è prevista dall’art 591 lett c) cpp quale causa di inammissibilità.
La seconda doglianza esula dal novero delle censure deducibili in sede di legittimità
, collocandosi sul piano del merito. Le determinazioni del giudice di merito in ordine
alla concessione delle circostanze attenuanti generiche e alla dosimetria della pena
sono infatti insindacabili in cassazione ove siano sorrette da motivazione congrua,
esente da vizi logico-giuridici ed idonea a dar conto delle ragioni del decisum. Nel
caso di specie, la motivazione del giudice d’appello è senz’altro da ritenersi
adeguata , avendo la Corte territoriale evidenziato che la confessione dell’imputato
ha costituito in qualche modo scelta obbligata , a fronte dell’emergere di prove
inconfutabili , e non denota quindi una revisione critica del proprio agire criminoso.
Il giudice a quo ha poi sottolineato che l’imputato non è esente da precedenti penali
, sia pure per reato contravvenzionale, e che non vi sono altri elementi da poter
valorizzare ai fini della concessione delle attenuanti generiche.

Il ricorrente deduce violazione degli artt 192 cpp e 62 bis cp, lamentando che non

Il ricorso va dunque dichiarato inammissibile, con conseguente condanna del
ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di euro mille,
determinata secondo equità, in favore della Cassa delle ammende.
PQM
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle

Così deciso in Roma, all ‘udienza del 29-11-12.

spese processuali e della somma di euro mille in favore della Cassa delle ammende.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA